testata camel

Il diario intimo della Donna Camèl con l'accento sulla el

Il blog della Donna Camèl è nato alla fine dell'estate del 2006, poco dopo l'apice del massimo splendore ma molto prima del declino dei blog in quanto moda.
È stato sempre su una piattaforma gratuita che negli anni ha cambiato nome e proprietari: ci sono capitata per una serie di circostanze fortuite e perché tutti i miei amici erano già lì, poi loro sono andati via tutti e io sono rimasta, irriducibile, a parlare di scrittura creativa, a proporre esercizi e racconti. Ci ho pubblicato pure un romanzo a puntate, un momento impagabile di intimità con i miei lettori.
Infine mi sono decisa a traslocare anch'io, lo porto qui a casa mia, se non tutto tutto la maggior parte: l'archivio. Non so quanto ci metterò, son più di 1000 articoli e li sposto con cura uno a uno, ma ho pazienza e la voglia di lavorare non mi manca: comincio oggi che è un lunedì ed è il 24 luglio 2017.

Segui la pagina facebook del blog - iscriviti al feed

 

 

A Sesto Calende, dove il lago Maggiore diventa Ticino o viceversa, c’è un ponte che collega la riva lombarda con quella piemontese. Accanto a questo ponte nuovo un tempo doveva essercene uno vecchio, che però a un certo punto non serviva più, forse non era adeguato, non era a norma, non lo so perché a un certo punto han deciso di costruire quello nuovo: di fatto due ponti vicini non servono, è evidente, uno va demolito. E così avran fatto, avran demolito il vecchio ponte, avran portato via pezzo a pezzo le strutture metalliche, le travi, le strisce di asfalto. Tutto tranne i piloni. Non so perché han lasciato lì i piloni, che erano dei parallelepipedi di cemento grandi più o meno tre metri per quattro e alti sull’acqua un paio di metri. C’erano degli scalini di tondino di ferro su una delle pareti, non so se li hanno messi dopo o sono sempre stati lì, non riesco a immaginare a che scopo costruire dei gradini sui piloni di un ponte, ma tant’è. I pescatori li usavano per salire sui piloni, che erano quattro o cinque, non mi ricordo esattamente.

Mi ricordo solo che mio padre noleggiava una barca a Sesto Calende, ci montava un suo motore fuoribordo che non saprei dire come mai aveva e ci salivamo tutti, io lui la mamma Barney e Betty e i miei fratelli e Bum Bum e forse anche Pebbies, la figlia dei Rubble. Bum Bum era il figlio che la Dina aveva adottato e aveva la stessa età di mio fratello.
Con la barca stracarica di bambini, mogli, canne e cestini da picnic andavamo a cercare un pilone libero, che non si poteva salire su uno già occupato da altri pescatori, papà ormeggiava la barca legandola al tondino di ferro della scaletta e salivamo su tutti. Ma poi per qualche motivo non si stava mai lì tutto il tempo, non tutti. A qualcuno scappava la cacca e bisognava traghettarlo a riva e non c’era la carta igienica così lo si doveva pulire con una foglia: credo fosse Bum Bum, che non stava mai fermo e non si vergognava di niente.
Io mi ricordo solo di essere sul pilone e mio padre e Barney che pescavano e dicevano di stare attenta e non sporgersi che era alto, mi ricordo del cemento ruvido con i sassi incastrati dentro e dei pezzi di ferro che spuntavano su ma erano smussati, non pungevano, avevano anche delle striature color ruggine e certe conche quadrate con piccole pozzanghere d’acqua, forse aveva piovuto. E della noia che lì sopra non c’era proprio niente da fare ma pescavano solo loro, pescavano le alborelle con tanti ami e le canne fisse, ne avevano tre o quattro a testa e le incastravano nelle fessure del cemento e a rotazione ne sdraiavano una per mettere le esche sugli ami e bisognava stare ancora più attenti non inciampare non calpestare il filo invisibile. E io ricordo solo quella noia che è come una specie di tristezza ma senza motivo, e l’acqua blu grigia in lontananza e gli alberi fitti sulla riva e la pozzanghera con l’acqua calda nella quale potevo pucciare le dita. E quando sul ponte nuovo che era molto vicino ma più in alto passava il treno faceva un rumore fortissimo, provavo a contare i vagoni ma era solo un momento, poi tornava il silenzio, la noia, il sole sulla testa e basta.

papa pescatore in controluce

 



Commenti al Post: I piloni sul ticino

bartelio il 06/06/07 alle 15:39 via WEB
Voglio essere il primo a dirti: brava, mi è davvero piaciuto! :-)

LaDonnaCamel il 06/06/07 alle 16:05 via WEB
Grazie, sei sempre molto gentile. Troppo. :-)

quelluomo il 07/06/07 alle 10:11 via WEB
io mi accontenterò di essere il secondo, allora....giorno!

LaDonnaCamel il 07/06/07 alle 21:51 via WEB
Buona sera topolone!


Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.

 

Compra il romanzo L'occhio del coniglio
Libro, mobi, epub compra su Amazon e su Lulù

Chi mi ama mi segua

Il sistema di gestione dei contenuti Joomla e il software di conteggio accessi installato in questo sito utilizzano i cookies per migliorare le funzioni di navigazone. Cliccando sul bottone arancione avrai fornito il tuo consenso e questo avviso non verrà più mostrato. Se non accetti l'uso dei cookies abbandona questo sito web.