testata camel

Il diario intimo della Donna Camèl con l'accento sulla el

Il blog della Donna Camèl è nato alla fine dell'estate del 2006, poco dopo l'apice del massimo splendore ma molto prima del declino dei blog in quanto moda.
È stato sempre su una piattaforma gratuita che negli anni ha cambiato nome e proprietari: ci sono capitata per una serie di circostanze fortuite e perché tutti i miei amici erano già lì, poi loro sono andati via tutti e io sono rimasta, irriducibile, a parlare di scrittura creativa, a proporre esercizi e racconti. Ci ho pubblicato pure un romanzo a puntate, un momento impagabile di intimità con i miei lettori.
Infine mi sono decisa a traslocare anch'io, lo porto qui a casa mia, se non tutto tutto la maggior parte: l'archivio. Non so quanto ci metterò, son più di 1000 articoli e li sposto con cura uno a uno, ma ho pazienza e la voglia di lavorare non mi manca: comincio oggi che è un lunedì ed è il 24 luglio 2017.

Segui la pagina facebook del blog - iscriviti al feed

 

 

 

Un'altra filastrocca e poi basta

 

va bene sorvoliamo
lo guidi l’aeroplano?
io ci ho perso un po’ la mano
so accendere il motore
lo so anche far salire
volare dove è piano
se è prato non lo temo
se il vento non mi sposta
se sotto c’è la costa
se il bosco è un po’ lontano
mi godo la planata
il luccichìo del fiume
i tetti dal di sopra
se basta la benzina
restiamo ancora in alto
il mondo è giù distante
non può più farci niente
il casco sulla testa
la tuta ci protegge
se chiamano non sento
ho un rombo nell’orecchio
e un palpito nel cuore
rimane la paura
paura di atterrare
la terra è così dura
se sbatti ti fai male

dai sveglia sii garbata
è pronto là il caffè
profuma di mattina
biscotto torta pane
la doccia con la schiuma
camicia di bucato
e poi c’è quel sorriso
non so se è già arrivato
aspetto calma e penso
a fare il mio lavoro
la vita è ricca e piena
volare solo un’ora
un attimo un minuto
il saggio si accontenta
e fa quel che si deve
non era un’illusione
nemmeno un’avventura

lo sai ma te lo dico
era soltanto un dono
tanto per non morire.



Commenti al Post: Sorvoliamo

Anonimo il 12/06/07 alle 21:37 via WEB
E' arrivata l'ondata in rima :-) Questa mi è piaciuta, e poi... rimane la paura paura di atterrare la terra è così dura se sbatti ti fai male :-) Ciao, Dario.

LaDonnaCamel il 12/06/07 alle 22:15 via WEB
bè, sono lusingata! detto da te poi vale doppio: sono un'apprendista della rima e la mia metrica ha le gobbe... comunque mi impegno e non dispero, il mio verso è piccolo ma crescerà :-)
Ciao Dario, sei troppo buono :-))

quelluomo il 13/06/07 alle 09:37 via WEB
questa camel è una poetessa da far paura! wow!

LaDonnaCamel il 13/06/07 alle 10:08 via WEB
Paura eh ...
e buongiorno!

quelluomo il 14/06/07 alle 10:26 via WEB
h si, poetessa del surreale!

 

Compra il romanzo L'occhio del coniglio
Libro, mobi, epub compra su Amazon e su Lulù

Chi mi ama mi segua

Il sistema di gestione dei contenuti Joomla e il software di conteggio accessi installato in questo sito utilizzano i cookies per migliorare le funzioni di navigazone. Cliccando sul bottone arancione avrai fornito il tuo consenso e questo avviso non verrà più mostrato. Se non accetti l'uso dei cookies abbandona questo sito web.