testata camel

Il diario intimo della Donna Camèl con l'accento sulla el

Il blog della Donna Camèl è nato alla fine dell'estate del 2006, poco dopo l'apice del massimo splendore ma molto prima del declino dei blog in quanto moda.
È stato sempre su una piattaforma gratuita che negli anni ha cambiato nome e proprietari: ci sono capitata per una serie di circostanze fortuite e perché tutti i miei amici erano già lì, poi loro sono andati via tutti e io sono rimasta, irriducibile, a parlare di scrittura creativa, a proporre esercizi e racconti. Ci ho pubblicato pure un romanzo a puntate, un momento impagabile di intimità con i miei lettori.
Infine mi sono decisa a traslocare anch'io, lo porto qui a casa mia, se non tutto tutto la maggior parte: l'archivio. Non so quanto ci metterò, son più di 1000 articoli e li sposto con cura uno a uno, ma ho pazienza e la voglia di lavorare non mi manca: comincio oggi che è un lunedì ed è il 24 luglio 2017.

Segui la pagina facebook del blog - iscriviti al feed

 

 

Gli stivaloni di mio padre erano di gomma verde militare con la suola a carroarmato marroncina. Erano veramente enormi, sia perché lui portava il 45 di piede che in confronto a me bambina era incommensurabile, sia perché erano altissimi, gli arrivavano a metà coscia e quindi erano un po’ più alti di me. Però erano molli e non stavano su da soli, me li ricordo sempre piegati in due o tre. In alto avevano dei gancetti che volendo si potevano usare per tenerli su, come una specie di reggicalze, accessorio che a quei tempi faceva ancora parte del guardaroba di tutti i giorni delle donne: la mamma e la nonna lo usavano e ho fatto in tempo a usarlo pure io per un po’: le prime collant le ho messe in terza liceo; ma papà non li agganciava, non so come ma in qualche modo gli stavano su da soli.
Qualche volta mio fratello aveva provato a infilarseli ma anche se si piegavano non riusciva ad arrivare in fondo col piede e non poteva fare nemmeno un passo, mica come pollicino che aveva rubato quelli dell’orco e gli stavano a pennello.

Mi par di vederlo, di spalle, in piedi in mezzo al torrente, pantaloni di velluto a coste marroni infilati negli stivali, la sua immancabile camicia scozzese di flanella con i taschini col bottone per metterci le sigarette, così se si chinava non gli cadevano in acqua, la canna in mano e il caratteristico rumore del mulinello: il frullo dei cuscinetti e poi lo scatto, tac, e poi ancora il ronzio leggermente diverso di quando recuperava: il tutto durava pochi minuti e via daccapo in un’altra buca.

E’ così che funziona la pesca nel torrente, si deve lanciare in continuazione, lo si deve andare a cercare il pesce. E’ qui che si vede l’esperienza del pescatore che a occhio sa indovinare le pozze buone, a seconda della confomazione del terreno, della disposizione dei sassi, della velocità della corrente e il sole e un sacco di altri fattori che io non so dire. E’ come un gioco a rimpiattino con le luci e le ombre dei rami e delle nuvole. La canna è corta per non impigliarsi negli alberi che spesso sono quasi dentro l’acqua. Pure il pescatore sta dentro l’acqua gelida, infatti mio padre si metteva due o tre paia di calze di lana dentro gli stivaloni. E camminava tutto il tempo, ogni due o tre lanci un passo. Forse solo nella pesca subacquea il contatto con il pesce è così stretto, quasi un corpo a corpo dove ci vuole l’astuzia ma anche la forza e la resistenza: quanti chilometri alla fine di un pomeriggio a risalire il torrente? sette, otto? anche venti!
E se aveva osservato bene le rive e la vegetazione e i fiori e gli insetti, indovinato il colore e la forma del cucchiaino, se aveva scovato la buca giusta e la trotella ingenua aveva mangiato, se era stato svelto col guadino e agile tra i massi, il suo cestino si riempiva.
Aveva cucito un pezzetto di metro da sarto sul coperchio, per controllare che le prede non fossero fuori misura: diciotto o venti centimetri, a seconda dei posti. Quelle piccole venivano slamate con delicatezza e ributtate dentro: arrivederci alla prossima volta, e mandami la mamma.

fotografia di mio padre a 22 anni

Fotografia di mio padre a ventidue anni

Ottobre. Qui in questa fetida, estranea cucina
studio la faccia imbarazzata di mio padre da giovane.
Un sorrisetto timido, in una mano tiene una sfliza
di persici gialli e spinosi, nell'altra
una bottiglia di birra Carlsbad.

In jeans e camicia di tela, sta appoggiato
contro il paraurti anteriore di una Ford del 1934.
Gli piacerebbe avere un'aria spavalda e cordiale per i posteri,
portare il suo vecchio cappello inclinato su un orecchio.
Per tutta la vita mio padre ha voluto essere un duro.

Ma gli occhi lo tradiscono, e le mani
che mostrano senza convinzione quella sfilza di persici morti
e la bottiglia di birra. Padre, ti voglio bene,
ma come posso dirti grazie, io che pure non reggo l'alcol,
e che non conosco nemmeno i posti buoni per pescare?

Raymond Carver




Commenti al Post: Fotografia di mio padre


quelluomo il 15/06/07 alle 08:15 via WEB
sono belli tutti e due. sia il tuo che quello del papà che sta appoggiato sulla ford del 34!

LaDonnaCamel il 15/06/07 alle 13:11 via WEB
Grazie, grazie anche a nome di Ray!

Anonimo il 15/06/07 alle 09:02 via WEB
un bacio donnacamel... mi commuovo per ogni goccia di umanità? :')

LaDonnaCamel il 15/06/07 alle 13:14 via WEB
Ricambio il bacio e grazie per l'umanità :')

sonouncantastorie il 15/06/07 alle 10:56 via WEB
Magnifiche le foto da giovani dei propri genitori. E' bello sapere che lo sono stati.

LaDonnaCamel il 15/06/07 alle 13:17 via WEB
Eh sì, ne ho fatto un bagno giusto l'altra settimana. (Pubblicità progesso: andate a leggere gli ultimi tre post del cantastorie: sa far piangere e ridere come gli pare! :-)

quelluomo il 16/06/07 alle 10:12 via WEB
ngiorno donnacamel!

quelluomo il 18/06/07 alle 08:40 via WEB
aribongiorno!

quelluomo il 19/06/07 alle 09:36 via WEB
salve!

Perturbabile il 19/06/07 alle 10:11 via WEB
buongiorno Dromy :) vengo a sbirciare se hai scritto di nuovo... (mi è piaciuta molto la poesia della bimba nelle scarpe della mamma... davvero brava)... mi emoziono <:')

LaDonnaCamel il 19/06/07 alle 11:12 via WEB
Grazie Perty:) è davvero bello quello che mi scrivi, grazie, mi fai contenta :)

 

e-max.it: your social media marketing partner

Compra il romanzo L'occhio del coniglio
Libro, mobi, epub compra su Amazon e su Lulù

Chi mi ama mi segua

Il sistema di gestione dei contenuti Joomla e il software di conteggio accessi installato in questo sito utilizzano i cookies per migliorare le funzioni di navigazone. Cliccando sul bottone arancione avrai fornito il tuo consenso e questo avviso non verrà più mostrato. Se non accetti l'uso dei cookies abbandona questo sito web.