testata camel

Il diario intimo della Donna Camèl con l'accento sulla el

Il blog della Donna Camèl è nato alla fine dell'estate del 2006, poco dopo l'apice del massimo splendore ma molto prima del declino dei blog in quanto moda.
È stato sempre su una piattaforma gratuita che negli anni ha cambiato nome e proprietari: ci sono capitata per una serie di circostanze fortuite e perché tutti i miei amici erano già lì, poi loro sono andati via tutti e io sono rimasta, irriducibile, a parlare di scrittura creativa, a proporre esercizi e racconti. Ci ho pubblicato pure un romanzo a puntate, un momento impagabile di intimità con i miei lettori.
Infine mi sono decisa a traslocare anch'io, lo porto qui a casa mia, se non tutto tutto la maggior parte: l'archivio. Non so quanto ci metterò, son più di 1000 articoli e li sposto con cura uno a uno, ma ho pazienza e la voglia di lavorare non mi manca: comincio oggi che è un lunedì ed è il 24 luglio 2017.

Segui la pagina facebook del blog - iscriviti al feed

 

 

Immagina una distesa di fiori. Non basta: più fiori, più profumi, più colori: esagera. Macchie gialle di ginestre tra il verde del mirto, macchie blu di gladioli selvatici fin sulla spiaggia, macchie rosse delle unghie di strega che strisciano sulla sabbia fino al mare: la Sardegna in primavera è un giardino inatteso, se ci sei stato d’estate non lo crederesti mai. D’estate è una specie di deserto grigio di elicriso e pieno di polvere e spini. D’estate è tutta ruvida di sole e di vento e le nuvole non stanno mai ferme. Anche il mare d’estate sembra morto: i pesci scappano a fondo, si vede che le onde dei motoscafi fan venire la nausea anche a loro.

Ma in aprile, oh qui aprile non è per niente il più crudele, immagina in aprile una giornata calma, una rara giornata senza vento a Caprera, Porto Palma. Immagina che stai camminando sul bagnasciuga e l’acqua è così trasparente e ferma che ti fa venire le vertigini a guardar giù come in un burrone. Ogni riccio, ogni scoglio, ogni alga è lì a portata di mano con la definizione di una fotografia digitale. Hai gli stivali gialli con la suola bianca perché sei sceso da una barca: non è che ti volevi allontanare, solo stare un po’ per conto tuo a respirare fiori. Magari hai i pantaloni della cerata che un paio d’ore fa era fresco, anche se a mezzogiorno l’aria è già diventata tiepida. Stai camminando su quella sabbia a grana grossa, son pezzetti gibbosi, rosati come gli scogli tutt’intorno: marmo o granito, troppo duri per essere levigati fini fini o forse troppo pesanti per essere portati via dalla schiuma che si scatena brutale quando il vento è incazzato, cioè quasi sempre da queste parti.

E tutto questo silenzio - che per la stagione nemmeno le cicale - e questo profumo che attacca in gola - le ginestre sovrastano invadenti - e l’azzurro troppo chiaro per essere vero, tutto, tutto quanto ti fa pensare a niente mentre cammini e anche l’onda sta quieta per non disturbare. Con i piedi nell’acqua ti fermi a guardare il Porco, che è un isolotto di scogli appena fuori dal golfo e non lo vedi arrivare. Il polipo. Più che nuotare fluttua, vola elastico e muto. Si avvicina, allunga un tentacolo e bussa allo stivale, un solo tocco curioso. Poi, e questo è amore!, ti abbraccia. Con tutte le sue otto gambe ti si arrotola al piede, non fa male perché è gentile, sembra ti voglia baciare. Dura solo un momento, come un amico che ti saluta dopo tanto tempo si stacca per guardarti - ma non lo giureresti, non lo sai dove diavolo hanno gli occhi i polipi, vorresti ricambiare in qualche modo ma come? ci sono tante cose che vorresti dirgli, sono attimi troppo brevi: danzando si allontana adagio. Ti resta il tempo di richiudere la bocca, scuotere piano la testa e ricominciare a respirare prima di vederlo sparire verso il largo.

Tu gli appartieni e non lo sai.
Sei lui, ti credi te.

bianca al timone


Commenti al Post: L'abbraccio

Perturbabile il 19/06/07 alle 12:20 via WEB
:) ma anche la medusa ti vuole bene... ti vuole abbracciare... :))) perche' fuggi?
(una stronzata ogni tanto mi ammorbidisce il cuore)

LaDonnaCamel il 19/06/07 alle 13:21 via WEB
nooo! la medusa noooo, è malvagia! il polipo invece è tanto buono! (specialmente con prezzemolo, olio e limone :P)

Eric_Van_Cram il 19/06/07 alle 14:43 via WEB
Se non ci avessi pensato tu, l'avrei fatta io quella chiosa... :)

Eric_Van_Cram il 19/06/07 alle 14:44 via WEB
A margine: il marmo è tenerissimo, i sassolini sardi sono di quarzo :)

LaDonnaCamel il 19/06/07 alle 21:42 via WEB
E' vero, il marmo è tenerissimo e si commuove per un niente. In quanto al polipo, se ci metti un tappo di sughero nell'acqua di cottura puoi stare tranquillo che sarà tenero anche lui, è per via del tannino, sai, è un vecchio trucco ma funziona sempre. Così non lo devi picchiare, che ci rimane male, poverino.

Perturbabile il 19/06/07 alle 14:51 via WEB
:)

Anonimo il 19/06/07 alle 20:30 via WEB
Complimenti! E'davvero bella... mi rilassa. Grazie, son riuscito a calmarmi per 5 minuti leggendo e immaginando! Halftone

LaDonnaCamel il 19/06/07 alle 21:00 via WEB
Sono contenta... e in bocca al lupo per domani! ;)

Anonimo il 20/06/07 alle 09:49 via WEB
ebbrava la sciura camèl. :)

LaDonnaCamel il 20/06/07 alle 14:31 via WEB
Ma grazie! Se non avessi il mio spingitore di cammelle pigre non l'avrei mai scritto, questo va detto :)

Anonimo il 20/06/07 alle 17:35 via WEB
E meno male che ci sono gli spingitori di cammelle (e pure gli arricciatori di ombre, ma questo per puro tornaconto mio personale ;D)

LaDonnaCamel il 20/06/07 alle 17:48 via WEB
non c'è riccio senza spini ;)

Anonimo il 20/06/07 alle 09:56 via WEB
bellissimo. anch'io amo quei momenti di totale armonia con la natura, che si mostra d'un tratto fiduciosa e curiosina. non sono mai stata in sardegna in primavera; però già l'adoro d'estate, pensa te :) mi ricorda, questo tuo scritto, una primavera in sicilia: il tempio di segesta sul prato verdissimo, pieno di fiori. (ot, mi perdoni donna camèl: lascio qui un messaggio per bartelio: non riesco più a commentarti, mi appare la schermata di libero che dice di entrare a far parte della community!)

bartelio il 20/06/07 alle 12:08 via WEB
Chiedo scusa, ho rimediato. I commenti sono tornati al loro posto, dove dovrebbero stare anche le mie mani.

LaDonnaCamel il 20/06/07 alle 14:37 via WEB
Grazie Petarda! la adoro sempre pure io, in tutte le stagioni (per l'ot ha già risposto il titolare :)

quelluomo il 20/06/07 alle 10:00 via WEB
wow!

LaDonnaCamel il 20/06/07 alle 14:38 via WEB
buon pomeriggio quell'uomo là! (grazie)

sonouncantastorie il 21/06/07 alle 11:43 via WEB
Però anche la Sicilia non è male in primavera.

Anonimo il 21/06/07 alle 13:25 via WEB
Già, non è male... è solo, semplicemente, stupenda :-) (mia matre)

LaDonnaCamel il 21/06/07 alle 14:09 via WEB
Prima o poi ci andrò di sicuro e son contenta di poterlo fare in questa mia nuova vita (o vita nuova: ho sciolto le trecce! :)

illegalefancazzista il 21/06/07 alle 20:16 via WEB
son scappato via col polipetto... sol per un attimo ;))

LaDonnaCamel il 21/06/07 alle 21:47 via WEB
metti giù quel polipetto che non t'appartien! lol :))

Perturbabile il 22/06/07 alle 09:06 via WEB
Buongiorno Dromy :) facevo il giro per vedere i nuovi (eventuali) post dei miei amici :)))

LaDonnaCamel il 24/06/07 alle 12:36 via WEB
sempre benvenuto!

quelluomo il 22/06/07 alle 14:23 via WEB
buongiorno!

LaDonnaCamel il 24/06/07 alle 12:36 via WEB
e anche ciao!

Anonimo il 24/06/07 alle 00:20 via WEB
Che bello!

LaDonnaCamel il 24/06/07 alle 12:37 via WEB
Ma grazie anonimo, è un vero piacere :)

 

e-max.it: your social media marketing partner

Compra il romanzo L'occhio del coniglio
Libro, mobi, epub compra su Amazon e su Lulù

Chi mi ama mi segua

Il sistema di gestione dei contenuti Joomla e il software di conteggio accessi installato in questo sito utilizzano i cookies per migliorare le funzioni di navigazone. Cliccando sul bottone arancione avrai fornito il tuo consenso e questo avviso non verrà più mostrato. Se non accetti l'uso dei cookies abbandona questo sito web.