testata camel

Il diario intimo della Donna Camèl con l'accento sulla el

Il blog della Donna Camèl è nato alla fine dell'estate del 2006, poco dopo l'apice del massimo splendore ma molto prima del declino dei blog in quanto moda.
È stato sempre su una piattaforma gratuita che negli anni ha cambiato nome e proprietari: ci sono capitata per una serie di circostanze fortuite e perché tutti i miei amici erano già lì, poi loro sono andati via tutti e io sono rimasta, irriducibile, a parlare di scrittura creativa, a proporre esercizi e racconti. Ci ho pubblicato pure un romanzo a puntate, un momento impagabile di intimità con i miei lettori.
Infine mi sono decisa a traslocare anch'io, lo porto qui a casa mia, se non tutto tutto la maggior parte: l'archivio. Non so quanto ci metterò, son più di 1000 articoli e li sposto con cura uno a uno, ma ho pazienza e la voglia di lavorare non mi manca: comincio oggi che è un lunedì ed è il 24 luglio 2017.

Segui la pagina facebook del blog - iscriviti al feed

 

 

la freccia nera loretta goggi a cavalloQuesto raccontino parte da un errore, infatti l'attore del telefilm la Freccia nera non era Roberto Chevalier e ci sarebbe voluto poco per controllare su internet la corrispondenza delle cose. Ma quella volta forse mi importava di più la spontaneità della narrazione piuttosto che la precisione dei fatti, si vede che per qualche motivo volevo collegare due situazioni che, in effetti, non potevano essere collegate. Adesso non rilascerei più un testo senza essermi documentata della correttezza di ogni citazione e lo raccomando sempre nei miei corsi. È importante anche nella scrittura creativa, perché un riferimento errato butta subito giù la sospensione dell'incredulità, quel patto che si instaura con il lettore che accetta di credere a ciò che sta leggendo, anche solo per la durata della lettura, e questo aumenta l'immersione nel testo e il piacere che se ne ricava. Questo è valido a maggior ragione in un testo non-fiction: che autorevolezza può avere un articolo di attualità, una trattazione tecnica o filosofica in cui sono citati riferimenti sbagliati? Bisogna essere consapevoli che i nostri testi potrebbero essere sottoposti a un pignolo fact- checking: non vogliamo mica fare la figura dei bugiardi, no?
Con l'occasione faccio ammenda dell'errore: nessuno è perfetto ;-)

Edit 28 agosto 2017

Ti ricordi la Freccia nera? Non il libro di Stevenson che comunque era bellissimo e l’avevo letto e sognato quando ero proprio piccola, dico il telefilm in bianco e nero con Loretta Goggi vestita da maschio e Roberto Chevalier anche lui vestito da maschio, ovviamente. Lo trasmettevano a puntate la sera e per vederlo ogni volta erano scenate perché cominciava dopo Carosello e le regole di casa mi volevano a letto, ma io insistevo insistevo e insistevo e di solito ce la facevo.

Tutto questo perché io e la mia amica Beatrice eravamo proprio innamorate di Roberto Chevalier, che era un attore ragazzino di dodici, forse tredici anni, un po’ come il primo Harry Potter ma molto, molto più carino e senza occhiali. Nell’intervallo a scuola io e la Bea stavamo tutto il tempo a parlare di lui, a guardare e riguardare i ritagli di giornale con le sue foto e a progettare di scrivergli una lettera. Questa della lettera era stata una idea sua, che io non ci riuscivo quasi a credere che Robby, come lo chiamavamo confidenzialmente tra noi, era una persona vera alla quale si potevano scrivere lettere, una persona che magari avrebbe anche potuto rispondere alle nostre, di lettere. La Bea diceva che suo padre conosceva qualcuno alla televisione, non so se un regista o un produttore o forse un parente di quella che aveva inventato Topo Gigio e le aveva detto che si sarebbe fatto dare l’indirizzo di casa, di Robby, che abitava a Roma. Ma forse scherzava, o forse lo diceva così per dire, come fanno tante volte i grandi per tenerci buoni, dicono sì sì e poi si dimenticano, o fanno finta di niente sperando che ci dimentichiamo noi, visto che aspettavamo e aspettavamo e non ce lo diceva mai.

E così nell’intervallo provavamo a scrivere la brutta, nell’attesa. Eravamo già d’accordo che avremmo messo il mio nome come mittente, che suo padre non voleva che lei gli scrivesse, chissà perché poi. Era disposto a procurarle l’indirizzo ma poi le vietava di usarlo, però in compenso poteva stare su la sera quanto voleva a vedere la tele.
Noi pensavamo di firmare con tutti e due i nostri nomi, eravamo gemellate nell’amore e non avevamo nessun senso di rivalità. In fondo alla lettera, prima o dopo i saluti, gli avremmo scritto di rispondere al mio indirizzo, che a me nessuno mi aveva proibito di scrivere. Veramente non l’avevo chiesto espressamente, ma a casa lo sapevano tutti che amavo Robby e, a parte il fatto di andare a letto presto, nessuno aveva avuto da obiettare.
Poi le puntate erano finite, era arrivata la primavera, la Bea era stata a casa qualche giorno con la tonsillite e di Robby non avevamo parlato più tanto spesso, anche se io ci pensavo sempre, tutti le sere prima di dormire: era questo l’amore, no? Così non vi dico l’emozione quando la Dora, che era la tata tuttofare che stava da noi anche a dormire, mi aveva aspettata sulla porta al ritorno da scuola, mi aveva tirata in cucina tutta seria senza dire niente e mi aveva allungato una busta dalla tasca del grembiule. Sst, mi aveva fatto col dito teso davanti al naso. Cos’è? Avevo chiesto io girando la busta, che sul davanti aveva il mio nome e il mio indirizzo scritto a mano, oltre al francobollo e al timbro delle poste. Dietro c’era scritto “Roberto Chevalier – Roma”. Nient’altro. Avevo sentito un sudorino freddo tutto lungo la schiena e sulla nuca e mi sembrava che i capelli mi si staccassero dalla testa. Non ci credevo. Quella stronza della Bea gli aveva scritto senza dirmi niente! Vabbè che era stata malata, ma almeno mi poteva telefonare. Non avevo la forza di aprire quella busta, le mani erano diventate una semolina molliccia, per non parlare delle gambe. Il cuore poi andava per i fatti suoi, le orecchie mi bruciavano e davanti agli occhi avevo come una pioggia di coriandoli di brillantini d’oro e d’argento.

La giravo e rigiravo, non avevo quasi il coraggio di guardarla. Non la apri? Mi aveva chiesto lei. Eh, un attimo! Calma! Mi aveva dato un coltello e l’avevo tagliata con precauzione, stando ben attenta a non sgualcirla, che poi la sentivo la Bea, anche se non ero sicura che glie l’avrei fatta toccare, visto che aveva fatto tutto da sola senza avvisarmi e chissà cosa gli aveva detto.

Dentro c’era un foglio piegato in quattro. Non c’era scritto niente. C’era solo disegnato un grande pesce. In quel momento tutto il resto della mia adorata famigliola aveva fatto irruzione in cucina sghignazzando con gran rumore: era il primo aprile. Ma che carini, tutti avevano partecipato: papà aveva disegnato il pesce, la mamma aveva scritto l’indirizzo, mia sorella aveva falsificato il timbro delle poste e mio fratello aveva leccato il francobollo.

Che a guardarlo adesso, Roberto Chevalier, forse non ci uscirei nemmeno a bere una birretta.



Commenti al Post: La freccia nera

LaDonnaCamel il 04/10/07 alle 20:51 via WEB
Mi rispondo da sola per ribadire, se non si fosse capito, che è fiction: difatti si trattava di Davide Copperfield ma avevo un'istanza narratologica che mi compulsava a parlare della freccia nera...

Anonimo il 04/10/07 alle 21:21 via WEB
Tenera Bianca :-) ho visto almeno tre volte (tra originale e repliche) quello sceneggiato - e infatti i danni si vedono ;-) - e grande sarebbe la voglia di citare altre "mitiche" cose della televisione di stato... ma io volevo soltanto dirti che son contento quando scrivi. E qui mi fermo :-)

LaDonnaCamel il 04/10/07 alle 21:56 via WEB
Grazie Dario, sei sempre troppo buono... (era Aldo Reggiani, vero? Fa niente, tanto qui son tutti troppo giovani, va bene istess;)

Anonimo il 04/10/07 alle 21:36 via WEB
Ops! Tenera Donna Camèl!

LaDonnaCamel il 04/10/07 alle 21:53 via WEB
Eheh, un burro ;)

quelluomo il 05/10/07 alle 12:26 via WEB
veramente carino questo ricordo!

LaDonnaCamel il 05/10/07 alle 18:02 via WEB
Grazie quelluomo e buon fine settimana!

Anonimo il 05/10/07 alle 20:23 via WEB
è vero, tenerillima. :))) la freccia nera non l'ho visto, david copperfield sì. e chissà come sarà harry potter all'età di: forse peggio. ah perché, l'amore non è pensarci ogni sera prima di andare a dormire?
io e le mie amiche del mare eravamo innamorate dei decibel a 12-13 anni, gli abbiamo scritto e ci hanno risposto nella persona di enrico ruggeri. io gli avevo detto che stava male coi capelli ossigenati, infatti da allora se li è tenuti nature, e però subito dopo è diventato calvo.

LaDonnaCamel il 05/10/07 alle 20:49 via WEB
Sì, l'amore è pensarci ogni sera prima di andare a dormire: è su quest'idea che ho costruito tutto il post: si vede tanto? ;)
A proposito di amiche e di cantanti... una mia amica, insieme a un gruppetto di altre svitate, inseguiva Claudio Baglioni dopo i concerti, e non dico altro! E lui le aspettava e si faceva raggiungere apposta! O almeno così mi dicevano e potrebbe essere vero :D

molinaro il 10/10/07 alle 22:51 via WEB
A me ha sempre colpito il mito delle piccole fan che si lanciavano nel camerino dei Rolling Stones, pronte a farsi trombare. Non so quanto ci sia di vero e quanto di leggenda, però ammetto che mi piacerebbe una cosa del genere dopo un mio reading di poesia. Ehm. Va bene, ora taccio.

LaDonnaCamel il 11/10/07 alle 09:16 via WEB
Eh eh, c'è da far vacillare l'animo più forte :-)))

 

e-max.it: your social media marketing partner

Compra il romanzo L'occhio del coniglio
Libro, mobi, epub compra su Amazon e su Lulù

Chi mi ama mi segua

Il sistema di gestione dei contenuti Joomla e il software di conteggio accessi installato in questo sito utilizzano i cookies per migliorare le funzioni di navigazone. Cliccando sul bottone arancione avrai fornito il tuo consenso e questo avviso non verrà più mostrato. Se non accetti l'uso dei cookies abbandona questo sito web.