testata camel

Il diario intimo della Donna Camèl con l'accento sulla el

Il blog della Donna Camèl è nato alla fine dell'estate del 2006, poco dopo l'apice del massimo splendore ma molto prima del declino dei blog in quanto moda.
È stato sempre su una piattaforma gratuita che negli anni ha cambiato nome e proprietari: ci sono capitata per una serie di circostanze fortuite e perché tutti i miei amici erano già lì, poi loro sono andati via tutti e io sono rimasta, irriducibile, a parlare di scrittura creativa, a proporre esercizi e racconti. Ci ho pubblicato pure un romanzo a puntate, un momento impagabile di intimità con i miei lettori.
Infine mi sono decisa a traslocare anch'io, lo porto qui a casa mia, se non tutto tutto la maggior parte: l'archivio. Non so quanto ci metterò, son più di 1000 articoli e li sposto con cura uno a uno, ma ho pazienza e la voglia di lavorare non mi manca: comincio oggi che è un lunedì ed è il 24 luglio 2017.

Segui la pagina facebook del blog - iscriviti al feed

 

 

Quando leggi una recensione come questa, non solo corri a comprarti il libro come del resto ho fatto, non solo corri a leggertelo tutto, come pure ho fatto, ma poi resti lì a guardare il cursore che pulsa e pensi: che cosa altro potrei dire? Niente, non posso aggiungere niente.

la chiave a stella primo levi recensione

Dici bene, tu, prendi in prestito i libri dalla biblioteca che così risparmi qualche soldo e poi se non ti piaciono non ti sembra neanche di aver sprecato la moneta. Dici bene, ma quando i libri ti piaciono tanto come questo del Levi, dio bono, come fai a avere il cuore di portarli indietro? E' un libro come non se ne scrivono poi molti e forse a pensarci bene non se ne scrivono più. Piccolo, detto sottovoce con il tono di chi racconta le storie seduto in cucina mentre beve un caffè con lo stravecchio. Parla del lavoro degli uomini, il lavoro manuale ben fatto che innamora, quel lavoro che diventa passione e gioco e dà il senso che non si spreca il tempo e la vita. Libro dimesso come il tono del Faussone Libertino da Torino che racconta con la sua faccia inespressiva come il fondo di una padella, che usa i luoghi comuni credendo di averli inventati, che si domanda quale il senso di tutto ma con un tono di noncuranza che svuota la retorica come si svuota un pallone facendo un buco con un ago.

E' vero, Faussone, o un artificio del Levi? Le righe scritte in calce (è il Conrad di Tifone) sembra che vogliano dare a intendere di no o anche che sia un gioco inutile chiederselo, tempo sprecato: che sia come sia, Faussone è un personaggio autentico, dice il Levi, e c'è da credergli. Gli si crede perché lo ha disegnato così bene, con la pazienza del narratore che non si intorpidisce e non ci intorpidisce con le fumisterie filosofiche, ma che la poesia la va a trovare nei tralicci, nelle coppie coniche e nel batter la lastra e ce la mostra pulita, netta e chiara, con una lingua magnifica che vuole stare vicina al parlato e che pure è rifinita con tanta cura da sembrare naturale e non artificio letterario, come alla fine è, non ci si scappa. Basti leggere, tra gli altri, questo passo strepitoso per capirlo. "Alla fine è arrivato il collaudatore. Era un ometto tutto nero, vestito di nero, sulla quarantina, con una spalla più alta dell'altra e una faccia da non aver digerito. Non sembrava neanche un russo: sembrava un gatto ramito, sì, uno di quei gatti che prendono il vizio di mangiar le lucertole, e allora non crescono, vengono malinconici, non si lustrano più il pelo e invece di miagolare fanno hhhhh. Ma sono quasi tutti così, i collaudatori: non è un mestiere allegro, se uno non ha un po' di cattiveria non è un buon collaudatore, e se la cattiveria non ce l'ha gli viene col tempo, perché quando tutti ti guardano male la vita non è facile. Eppure ci vogliono anche loro, lo capisco anch'io, alla stessa maniera che ci vogliono i purganti."
C'è una voglia di ridere leggera che vien fuori da queste pagine e un personaggio, Faussone, che pare l'alter ego del chimico Levi, cieco che lavora con le molecole e tentenna verso un altro lavoro, quello di costruttore di racconti, di storie; e meno male che il Levi il passo l'ha fatto, che ci ha detto e mostrato come si scrive e come si racconta e come fare per star vicino a un personaggio (e farcelo sentire prossimo), come usare quella rara qualità che è l'empatia svuotata di sentimentalismi.
Magnifici fra gli altri il capitolo "batter la lastra" dedicato al padre e "senza tempo" dove Faussone è narrato nei suoi primi esperimenti giovanili di lavoro e di sentimento (è uno dei capitoli più belli e strappacoratelle). Levi va poi a cercare il retroterra e ci mostra due zie torinesi che stringono il cuore per quanto ci stanno a pennello nel corpus del romanzo. Un libro da tenere stretto, una riflessione sul fare, sul raccontare, sui registri della narrativa e della poesia. Accidenti va a finire che me lo compro, vah.

 

(Bartelio, su anobii)


 

Commenti al Post: La chiave a stella, una recensione che fa innamorare


Anonimo il 25/03/08 alle 14:20 via WEB
Ricordo la sorpresa e la beatitudine che mi ha preso, anni fa, quando ho letto "La chiave a stella". Al punto che non ho mai osato rileggerlo, per paura di esserne, stavolta, delusa. Bartelio è bravissimo, e ha ragione. Io il libro me lo sono comprato, anni fa. Va a finire che le rileggo, adesso, vah.

Anonimo il 25/03/08 alle 14:21 via WEB
Scusate, quell'anonimo di prima sono io, Annalisa

LaDonnaCamel il 25/03/08 alle 17:22 via WEB
Ciao Annalisa, ti si vedeva il link ;)

Anonimo il 25/03/08 alle 15:51 via WEB
Ma tu, Donna Camèl, ci scovi tutti e tutti noi segui :-) Bello questo pezzo del mio amico "irlandese" :-) Baci, Dario

LaDonnaCamel il 25/03/08 alle 17:25 via WEB
Oh, lo ammetto: ho tempo da perdere (ma soprattutto ho un feedreader ;) Te poi Dario ti seguo dappertutto: andiamo a cantare con le mondine? :)

Eric_Van_Cram il 26/03/08 alle 09:27 via WEB
bellissimo libro anche se, personalmente, lo ritengo un gradino sotto "il sistema periodico". quello è il "mio" libro, quello che mi sarebbe piaciuto saper scrivere, quello che "imito" ogni qual volta ne ho la possibilità.

LaDonnaCamel il 26/03/08 alle 10:13 via WEB
Ho preso anche quello, ho letto il primo pezzo ieri sera...

kleocoppersmith il 26/03/08 alle 11:41 via WEB
bel libro e bella recensione. però levi, 'nonostante roth' (attraverso la nota proprietà transitiva dell'amore letterario) non mi affascina sotto il profilo dell'imitazione. è come se facesse parte di un mondo che non sento mio.

LaDonnaCamel il 26/03/08 alle 14:31 via WEB
Forse non si tratta di mondi ma di modo di raccontarli, o per lo meno è questo che affascina me: guardare il dito invece della luna ;)

kleocoppersmith il 27/03/08 alle 13:07 via WEB
hai ragione, ma in fondo il modo fa parte del mondo. o no?

LaDonnaCamel il 27/03/08 alle 17:34 via WEB
Non lo so, non lo so proprio sai? Si sta parlando del modo di guardare, non di un modo a caso. Anche un filo d'erba è un filo d'erba, uno strumento musicale, un trampolino per cavallette, una cosa da tenere tra le labbra in un giorno felice, un purgante per gatti, un attrezzo per fare il solletico dietro l'orecchio a una persona speciale, un intruso nell'insalata, un anello prezioso arrotolato intorno a un ditino, un verde tra i verdi...

kleocoppersmith il 27/03/08 alle 19:18 via WEB
già...

bartelio il 03/04/08 alle 11:48 via WEB
Non vale! :-) (Grazie grazie grazie, a te e agli altri e scusa il ritardo!)

LaDonnaCamel il 04/04/08 alle 10:20 via WEB
Vale molto invece :-)

 

 

Compra il romanzo L'occhio del coniglio
Libro, mobi, epub compra su Amazon e su Lulù

Chi mi ama mi segua

Il sistema di gestione dei contenuti Joomla e il software di conteggio accessi installato in questo sito utilizzano i cookies per migliorare le funzioni di navigazone. Cliccando sul bottone arancione avrai fornito il tuo consenso e questo avviso non verrà più mostrato. Se non accetti l'uso dei cookies abbandona questo sito web.