testata camel

Il diario intimo della Donna Camèl con l'accento sulla el

Il blog della Donna Camèl è nato alla fine dell'estate del 2006, poco dopo l'apice del massimo splendore ma molto prima del declino dei blog in quanto moda.
È stato sempre su una piattaforma gratuita che negli anni ha cambiato nome e proprietari: ci sono capitata per una serie di circostanze fortuite e perché tutti i miei amici erano già lì, poi loro sono andati via tutti e io sono rimasta, irriducibile, a parlare di scrittura creativa, a proporre esercizi e racconti. Ci ho pubblicato pure un romanzo a puntate, un momento impagabile di intimità con i miei lettori.
Infine mi sono decisa a traslocare anch'io, lo porto qui a casa mia, se non tutto tutto la maggior parte: l'archivio. Non so quanto ci metterò, son più di 1000 articoli e li sposto con cura uno a uno, ma ho pazienza e la voglia di lavorare non mi manca: comincio oggi che è un lunedì ed è il 24 luglio 2017.

Segui la pagina facebook del blog - iscriviti al feed

 

 

 una rosa

Morta. Stecchita.
Tutte le foglie secche, grigie.
La mia rosa rosa. Non perché una rosa è una rosa, ma perché era rosa, non rosa dalle bestie parassite, era rosa come un romanzo di poca cosa, la mia rosa.
Che peccato, mi dicevo mentre tagliavo col tronchese.
Crac facevano i rami.
Con i guanti affastellavo, mi dispiacevo.
Non una gemma, non una fogliolina. Solo fronde secche e grigie.

Era un mese fa. Ne ho fatto una fascina, l’ho legata con lo spago e l’ho portata al cassonetto.
Che ci faccio ora con quegli stecchi? mi dicevo da sola. Tutta la verzura che mi proteggeva dagli occhi dei vicini. Ora siam nudi sul terrazzo. Dovrò metterci qualcosa. Prima o poi ma non adesso, mi dicevo. Le rose son forti, son le più forti. Non ci credo che sia andata. Mi sembrava di vedere un po’ di linfa, certi rami sembravano elastici, faticosi da tagliare. E poi vedremo. Acqua ogni sera e poi vedremo. Sfoltire più che si può e sperare.
E il sole, e il tempo, e l’acqua.
E quella che sembrava una spina, a guardar bene, forse forse, e il giorno dopo un po’ più lunga, e più grossa, e poi due e tre e cinque e oggi eccola qui, la mia resuscitata, tutta piena di foglie e rametti nuovi rossi e marroni.
Il verde arriverà poi. E le rose.

 

Commenti al Post: Una rosa - life gardening per tutti

 

simpli.man il 12/05/08 alle 21:05 via WEB
mai letto un pollice verde cosi' romantico!!! Smack Maury

LaDonnaCamel il 13/05/08 alle 10:37 via WEB
:-)

Anonimo il 13/05/08 alle 09:50 via WEB
è bello quando succede: a me però la maggior parte delle volte non succede :(
petarda

LaDonnaCamel il 13/05/08 alle 10:39 via WEB
eh, non sempre va così. il melo per esempio è andato. Mi faceva tanti frutti, un anno sette chili! ma poi si è seccato. l'ho tagliato basso ma ho lasciato un pezzo di tronco, per i gatti.

Anonimo il 13/05/08 alle 13:36 via WEB
come ti invidio io riesco a far morire perfino le piante grasse l'unica cosa che si puo' chiamare pianta e che sopravvive a casa mia e' la rosa di jerico o rosa del desrto ^^

LaDonnaCamel il 13/05/08 alle 13:58 via WEB
Se ti può consolare le piante grasse le ammazzo anch'io :)

Eric_Van_Cram il 13/05/08 alle 14:04 via WEB
con un eccesso di colesterolo?

LaDonnaCamel il 13/05/08 alle 15:07 via WEB
gli do le patatine invece dell'acqua

sonouncantastorie il 13/05/08 alle 18:05 via WEB
Anch'io avevo delle rose. Stavano diventando infestanti. Le ho distrutte! Ma sono resistenti, ogni tanto tornano fuori.

verbacollant il 14/05/08 alle 10:39 via WEB
eh... una rosa è una rosa è una rosa... (scusa, m'è scappata)

LaDonnaCamel il 14/05/08 alle 14:15 via WEB
ma dai, ma sei proprio tu? ma lasciati abbracciare! Dicevi di essere uno scrittore, ma non ho mai letto niente di tuo ;) Và che io ciò una memoria da cammella!

verbacollant il 14/05/08 alle 18:28 via WEB
uì, sè muà, catrin dnève (ho scommesso 2 € con la mia pedicurista che mi avresti riconosciut* da una semplice citazione)

LaDonnaCamel il 15/05/08 alle 00:43 via WEB
Ti avevo sospettat* già al terzo post dell'inchiesta pruriginosa ma la citazione, oh la citazione! Che bello averti qui!

Anonimo il 15/05/08 alle 18:54 via WEB
'azz! ma allora sei una che legge molto. pensavo di essere il solo a essere interessato ai risultati di quell'inchiesta su cosa pensano (si fa per dire) le donne. ps: però vuoi mettere la piazzetta, i tavolini nei dehors, il chiacchiericcio, i fake(s), i troll(s)... come fa a non mancarti tuttocciò?

LaDonnaCamel il 16/05/08 alle 15:25 via WEB
Ogni tanto ci passo davanti, quando vado a prendere il tram: c'è pieno di ragazzetti a cavalcioni sulle moto e mi guardano strano, non ci sono più i tavolini, hanno strappato via anche le panchine e il muretto è mezzo crollato. Allungo il passo e mi tengo stretta la borsetta sotto il braccio.
"Mi sembrava quasi di aver perduto qualcosa, perduto per sempre, e neanche sapevo cos'era, che nome avesse. Di tutte, sono queste le perdite più tremende." James Sallis, La mosca dalle gambe lunghe.

molinaro il 17/05/08 alle 12:48 via WEB
Viva, viva la rosa!

LaDonnaCamel il 17/05/08 alle 20:19 via WEB
Viva!

frederaick il 17/05/08 alle 19:05 via WEB
ora spoetizzo tutto :(((( rose e menta sono piante che fanno cosi'. Secche poi possono anche ricrescere la stagione dopo. Rose e menta... strano abbinamento!l

LaDonnaCamel il 17/05/08 alle 20:19 via WEB
Menta, menta forte! ;)

LaDonnaCamel il 24/05/08 alle 16:40 via WEB
L'ho visto ora: grazie Pedarda per il tumblr!:)

 

e-max.it: your social media marketing partner
 

Vuoi leggere anche questi?

Compra il romanzo L'occhio del coniglio
Libro, mobi, epub compra su Amazon e su Lulù

Chi mi ama mi segua

Il sistema di gestione dei contenuti Joomla e il software di conteggio accessi installato in questo sito utilizzano i cookies per migliorare le funzioni di navigazone. Cliccando sul bottone arancione avrai fornito il tuo consenso e questo avviso non verrà più mostrato. Se non accetti l'uso dei cookies abbandona questo sito web.