testata camel

Il diario intimo della Donna Camèl con l'accento sulla el

Il blog della Donna Camèl è nato alla fine dell'estate del 2006, poco dopo l'apice del massimo splendore ma molto prima del declino dei blog in quanto moda.
È stato sempre su una piattaforma gratuita che negli anni ha cambiato nome e proprietari: ci sono capitata per una serie di circostanze fortuite e perché tutti i miei amici erano già lì, poi loro sono andati via tutti e io sono rimasta, irriducibile, a parlare di scrittura creativa, a proporre esercizi e racconti. Ci ho pubblicato pure un romanzo a puntate, un momento impagabile di intimità con i miei lettori.
Infine mi sono decisa a traslocare anch'io, lo porto qui a casa mia, se non tutto tutto la maggior parte: l'archivio. Non so quanto ci metterò, son più di 1000 articoli e li sposto con cura uno a uno, ma ho pazienza e la voglia di lavorare non mi manca: comincio oggi che è un lunedì ed è il 24 luglio 2017.

Segui la pagina facebook del blog - iscriviti al feed

 

 

Non sono mai stata una grande appassionata di fumetti. Non in prima persona: c'è sempre stato qualcun altro in casa che lo era al posto mio. Leggevo (e leggo) i fumetti a scrocco. Mio padre comprava Topolino (Mi fai vedere la copertina? no, prima lo leggo io. Solo la copertina, dai, ti prego. Vabbè, ma da lontano.) e poi negli anni Il Mago, ne aveva una raccolta introvabile e Linus, come ripiego quando avevano smesso di pubblicarlo.
Mio fratello leggeva Dylan Dog e ce li aveva tutti dal primo all'ultimo, era un collezionista. L'altro fratello, molto più giovane, era un fan di Andrea Pazienza, ci si faceva le magliette con le tavole che gli piacevano di più.
E i miei figli i manga. Ogni generazione un fumetto, è ovvio, anche se adesso manco si chiamano più così: graphic novel.
Avevo pensato di scrivere due parole su Sergio Bonelli che è morto oggi e mi dispiace molto. In un primo momento mi sono trattenuta, mi sembrava di non averne il diritto. Che c'entro io, scroccona dei fumetti?
Non c'entro, difatti. E nemmeno questa storia che mi è venuta in mente. Una storia senza morale.

mario non corre, mario vola bassoEravamo andati in gita a Palau durante una vacanza con qualche amico e tutta una serie di bambini, tra cui i miei. Eravamo entrati in un grande negozio di libri e giornali e ci eravamo dispersi come sempre succede in questi casi, ciascuno attratto dai suoi centri di interesse, chi libri, chi giocattoli, penne, giornalini, bigiotteria, c'era di tutto. Mio figlio dal passeggino mi aveva mostrato col ditino un bell'album: c'era scritto sopra Dylan Dog e in basso, in stampatello, IL MALE. Gli accarezzai la testolina bionda, no caro, non va bene per te. Perché non prendiamo la Pimpa? Mi rimisi a sfogliare una rivista di vela che aveva attirato la mia attenzione. Dopo un po' vidi che il piccolino, aveva due anni e mezzo, allungandosi quanto gli consentiva la cinghia di sicurezza aveva preso in mano quel fumetto. Cercai di distrarlo facendogli vedere un fascicolo dei puffi incellofanato con un gioco d'acqua, ai tempi andavano di moda. Niente, non mollava la presa, dovetti strapparglielo di mano, sorda alle di lui rimostranze. Cercai di spiegargli che quel fumetto faceva paura ma lui piangeva e lo indicava col ditino: non sapeva ancora parlare. Qualche volta però bisogna imporsi, anche se non sapeva nemmeno leggere non mi sembrava proprio il caso, lo rimisi al suo posto.
Con decisione spinsi il passeggino in un'altra zona del negozio, sperando che si calmasse. I bambini son così, dopo un po' si dimenticano e gli passa.
Una volta fuori dal negozio proposi di andare a prenderci un gelato, così si consola e si pensa ad altro, mi dicevo. Eravamo seduti tutti intorno a due tavolini all'aperto, ormai lontani dalla libreria, quando mi cadde l'occhio sulla reticella del passeggino: tra le maglie si vedeva nettamente il mostro in copertina.
Non so ancora come abbia fatto, non l'avevo perso di vista un momento.


Commenti al Post:

Fumetti a scrocco - una storia senza morale


achab959 il 27/09/11 alle 09:25 via WEB
Io leggevo Diabolik e Alan Ford. Il fumetto stimola la fantasia ed è fautore di un mondo fantastico che ogni adolescente dovrebbe possedere.

LaDonnaCamel il 27/09/11 alle 10:47 via WEB
Sì.

Siobhán il 28/09/11 alle 00:00 via WEB
Poi quel fumetto l'avevo letto io, mi ricordo. Ero nell'età che se mi trovavo qualcosa di scritto in mano lo leggevo, qualunque cosa fosse. Di conseguenza non ho dormito per una settimana. Stupido fratello ><''

LaDonnaCamel il 28/09/11 alle 09:42 via WEB
Lol :D
Perché invece adesso hai smesso di leggere, vero? :)

Hombre il 28/09/11 alle 00:21 via WEB
Chi non ha mai rubato un fumetto? Dai a tutti è capitato, tutti siamo un po' Conte Oliver, in fondo. Certo tuo figlio, a due anni e mezzo, lui no, lui è Diabolik proprio.

LaDonnaCamel il 28/09/11 alle 09:44 via WEB
Diabolik non gliel'aveva ancora detto nessuno :)

 

 

Vuoi leggere anche questi?

Compra il romanzo L'occhio del coniglio
Libro, mobi, epub compra su Amazon e su Lulù

Chi mi ama mi segua

Il sistema di gestione dei contenuti Joomla e il software di conteggio accessi installato in questo sito utilizzano i cookies per migliorare le funzioni di navigazone. Cliccando sul bottone arancione avrai fornito il tuo consenso e questo avviso non verrà più mostrato. Se non accetti l'uso dei cookies abbandona questo sito web.