testata camel

Il diario intimo della Donna Camèl con l'accento sulla el

Il blog della Donna Camèl è nato alla fine dell'estate del 2006, poco dopo l'apice del massimo splendore ma molto prima del declino dei blog in quanto moda.
È stato sempre su una piattaforma gratuita che negli anni ha cambiato nome e proprietari: ci sono capitata per una serie di circostanze fortuite e perché tutti i miei amici erano già lì, poi loro sono andati via tutti e io sono rimasta, irriducibile, a parlare di scrittura creativa, a proporre esercizi e racconti. Ci ho pubblicato pure un romanzo a puntate, un momento impagabile di intimità con i miei lettori.
Infine mi sono decisa a traslocare anch'io, lo porto qui a casa mia, se non tutto tutto la maggior parte: l'archivio. Non so quanto ci metterò, son più di 1000 articoli e li sposto con cura uno a uno, ma ho pazienza e la voglia di lavorare non mi manca: comincio oggi che è un lunedì ed è il 24 luglio 2017.

Segui la pagina facebook del blog - iscriviti al feed

 

 

Ieri mi sono fatta un regalo. Ho preso su me stessa e mi sono portata a vedere la mostra di Cézanne a Palazzo Reale.
Facciamo così, mi sono detta, scegliamoci un quadro, uno solo, e guardiamo quello e basta. L'avevo sentito la settimana scorsa nel programma di Fazio di guardare un quadro solo in un museo, di più non ha senso, aveva detto Daverio.
Ha ragione, avevo pensato.
Allora facciamo uno per uno, mi sono risposta, guardiamo due quadri non di più.
E così siamo andate.

La cassiera all'ingresso voleva farmi pagare due biglietti. Ma come quindici euro, ho detto, se costa nove senza sconto. Va bene articolarsi in un dialogo interno ma mica lo sapeva lei, non parlo ancora ad alta voce con me stessa.
È perché le avevo mostrato la tessera Arci e anche l'abbonamento del tram - non sapevo quale fosse quella buona per avere lo sconto. Poi ci ho provato ma no, il catalogo gratis non te lo danno.
E adesso come facciamo a decidere quale dobbiamo guardare, mi sono detta, delle volte sono un po' pignola.
Bè, un'occhiata la dobbiamo dare a tutti, è ovvio, mi sono risposta aggirando un branco di visitatori coagulato intorno alla sua guida, andremo avanti veloce e poi torniamo indietro piano: fast forward e rewind. Come al solito.
Io ne capisco nulla di arte figurativa e me stessa nemmeno. Non l'ho studiata a scuola, non me ne sono mai occupata e quest'assenza di cultura non mi ha mai fatto un baffo.
Ma allora perché?
Eh.
Cercavo qualcosa. Una maniera di descrivere la realtà. Qualcosa da vedere, da capire senza spiegazioni. Un'interpretazione, una mediazione. Un suggerimento? Mah.
Spirito di Cézanne aiutami tu.
A dirla tutta non lo sapevo bene nemmeno io cosa stavo cercando.
Ma ecco il quadro.
Anzi due. Vicini. Uguali e diversi.
L'albero. Gli alberi, vabbè. Un albero per quadro. Due quadri, due alberi.
Era lo stesso soggetto, lo stesso luogo, deve averlo colpito di brutto se ci è stato sopra tanto a lungo, cinque anni c'è scritto. È solo un pino marittimo grande e dietro lo sfondo arancione.
In quello a destra tutto è piuttosto definito, luminoso.
Ma quello a sinistra, oh sì, quello a sinistra è precisamente lui.
Il tronco e i rami centrali sono nitidi, precisi e il resto è come sfocato. Pennellate grosse di verde sui verdi. Evidenti, sfacciate. Il trucco è svelato, eppure ci credi.
Cado in ginocchio, rapita.
Anche perché c'è una comitiva con la guida, borbottano, non vedono niente se ci sono io davanti e io non mi voglio spostare. Sono arrivata, è lui, son sicura.
Voglio carpire il segreto per trasformarlo poi in parole. Scrivere sfocato il contorno, avvicinarsi come se non fosse importante e definire, precisare, tirare fuori il succo per renderlo vivo.
Sto cercando la pietra filosofale, lo so - no, non quella di Harry Potter, quella vera di Cagliostro, per trasformare in oro lucente il piombo opaco delle mie parole.
Non è la tecnica, fessacchiotta, mi dice la pignola, è l'occhio.
Apposta sto qui a guardare. Forse, se rapisco il segreto dell'occhio, poi pure io.
E la storia? Dov'è la storia?
La storia è quel bambino. Non l'ha disegnato ma io lo vedo. Si arrampica fra i rami, si siede su quella biforcazione, là dove l'ombra si fa viola. Si mette a cavalcioni e tira fuori dalla tasca il suo pezzo di pane.
Non prenderà più le botte, l'ha promesso a se stesso. Guarda i campi arancioni, si asciuga la fronte con la manica del giacchino sdrucito. I grilli gli riempiono l'aria e le orecchie. Una formica cammina sul legno rugoso, trasporta un ago di pino.
Il resto è lontano.

Grande pino e terre rosse

Paul Cézanne, Grand pin et terres rouges, 1890-1895.
(Ero restia a mettere la foto del quadro, come se le mie parole non fossero bastanti. Non lo so se le parole bastano, come si vede dai commenti, nel post originale del 2011 non ce l'avevo messo, ma la condivisione sui social chiama l'immagine e ormai non se ne può fare a meno, mi arrendo.)


Commenti al Post: Grande pino e terre rosse


MaiMaturo il 11/12/11 alle 19:49 via WEB
Il regalo l'hai fatto anche a me, con questo post! Bellissimo. Ricco di suggestioni e suggerimenti. E poi, quella storia del bambino, alla fine. Una pennellata, pardon, un tocco d'artista. Grazie!

Hombre il 11/12/11 alle 19:53 via WEB
D'accordo, vado a nascondermi. Ma prima faccio 'sta cosa che dovevi aver fatto te, pigrona. Ed ecco a voi sua maestà il pino. Tutto eccellente, il top è il bambino e il suo pezzo di pane. per me.

Hombre il 11/12/11 alle 19:56 via WEB
uhm, avevo messo un link al pino... ma non so bene, non l'ha preso... rimedi tu?

LaDonnaCamel il 11/12/11 alle 20:04 via WEB
Eh, ci ho pensato su un po', se mettere o non mettere l'immagine. L'ideale sarebbe andare a guardarsela là, ma non potendo c'è sempre zio google
(La tua non la vedo, bo?)

LaDonnaCamel il 11/12/11 alle 20:06 via WEB
Non vedo nemmeno la mia, devono aver sabotato l'inserimento dei link nei commenti :D

OrsaBIpolare il 11/12/11 alle 20:01 via WEB
Per me quest EDS è il numero uno! E non ho letto neanche gli altri, pensa un po' ;) Tra l'altro hai scelto un quadro straordinario. (ma io ho un debole per Polsesan).

LaDonnaCamel il 11/12/11 alle 20:07 via WEB
LOL :D Grazie cara, come sai lodare tu, nessuno! :P

Lillina il 11/12/11 alle 20:19 via WEB
Se nell'ideare questo EDS avessi messo in palo un premio l'avresti vinto, bellissimo!!

LaDonnaCamel il 11/12/11 alle 22:30 via WEB
Ma allora non vale! Grazie, sei troppo buona :*

Dario il 11/12/11 alle 20:23 via WEB
La padrona di casa serve sempre i piatti migliori :-) Sai che leggendo bene noto qualcosa di nuovo nella tua scrittura? Sei più asciutta, ma senza che si noti l'opera di revisione (ecco, sono un pessimo critico ma spero si sia capito) :-) ps. spero non sparisca anche questo commento come gli altri inviati alla compagnia degli ediessari :-)l

LaDonnaCamel il 11/12/11 alle 22:39 via WEB
Ma grazie Dario, dai :) Non sai come sono contenta di averti stanato! Una cosa nuova di questo pezzo è che l'ho scritto su carta stamattina mentre curavo l'arrosto e stasera l'ho ricopiato, sarà stato il profumino ;)
Ma che è successo agli altri commenti? Spariti?

Dario il 12/12/11 alle 00:12 via WEB
di sicuro il profumino, allora ;-) per i commenti non so, ho riinviato quelli "spariti" :-)

La Carta il 12/12/11 alle 21:08 via WEB
Ho trovato una foto del dipinto in questione su d'un libro in biblioteca oggi. Molto bello, mi ha fatto venir in mente "Il barone rampante", il senso di libertà che trasmetteva. Boh, vado a farmi un giro nel bosco sopra casa, al diavolo il freddo!

LaDonnaCamel il 12/12/11 alle 21:43 via WEB
Mi fa piacere assaissimo.

Arvalius il 13/12/11 alle 11:07 via WEB
Bello. Letto davvero volentieri.
PS: Ho letto l'altra sera il tuo commento sul mio blog, ma non ho avuto tempo di scrivere niente. Sarà per la prossima volta :)

LaDonnaCamel il 13/12/11 alle 14:30 via WEB
Grazie Mario. Ti ho chiamato perché l'altra volta eri rimasto male, ti chiamerò anche la prossima.

Kisciotte il 23/02/12 alle 16:19 via WEB
Sarebbe una possibilità di valorizzare la visione della singola opera, come nella formula espositiva che da qualche anno avviene sotto le festività natalizie a Palazzo Marino. Però, sarò veniale, mi aspetto anche la parcellizzazione del biglietto. :) Un biglietto da 10 cents per l'autoritratto dell'artista, grazie!

LaDonnaCamel il 24/02/12 alle 15:37 via WEB
Daverio diceva che dove andava lui era gratis, io dico che potrebbero fare gratis almeno una mezza giornata alla settimana, per esempio la domenica mattina: una bella "educazione" alternativa ;)

Ieri mi sono fatta un regalo. Ho preso su me stessa e mi sono portata a vedere la mostra di Cézanne a Palazzo Reale.
Facciamo così, mi sono detta, scegliamoci un quadro, uno solo, e guardiamo quello e basta. L'avevo sentito la settimana scorsa nel programma di Fazio di guardare un quadro solo in un museo, di più non ha senso, aveva detto Daverio.
Ha ragione, avevo pensato.
Allora facciamo uno per uno, mi sono risposta, guardiamo due quadri non di più.
E così siamo andate.

La cassiera all'ingresso voleva farmi pagare due biglietti. Ma come quindici euro, ho detto, se costa nove senza sconto. Va bene articolarsi in un dialogo interno ma mica lo sapeva lei, non parlo ancora ad alta voce con me stessa.
È perché le avevo mostrato la tessera Arci e anche l'abbonamento del tram - non sapevo quale fosse quella buona per avere lo sconto. Poi ci ho provato ma no, il catalogo gratis non te lo danno.
E adesso come facciamo a decidere quale dobbiamo guardare, mi sono detta, delle volte sono un po' pignola.
Bè, un'occhiata la dobbiamo dare a tutti, è ovvio, mi sono risposta aggirando un branco di visitatori coagulato intorno alla sua guida, andremo avanti veloce e poi torniamo indietro piano: fast forward e rewind. Come al solito.
Io ne capisco nulla di arte figurativa e me stessa nemmeno. Non l'ho studiata a scuola, non me ne sono mai occupata e quest'assenza di cultura non mi ha mai fatto un baffo.
Ma allora perché?
Eh.
Cercavo qualcosa. Una maniera di descrivere la realtà. Qualcosa da vedere, da capire senza spiegazioni. Un'interpretazione, una mediazione. Un suggerimento? Mah.
Spirito di Cézanne aiutami tu.
A dirla tutta non lo sapevo bene nemmeno io cosa stavo cercando.
Ma ecco il quadro.
Anzi due. Vicini. Uguali e diversi.
L'albero. Gli alberi, vabbè. Un albero per quadro. Due quadri, due alberi.
Era lo stesso soggetto, lo stesso luogo, deve averlo colpito di brutto se ci è stato sopra tanto a lungo, cinque anni c'è scritto. È solo un pino marittimo grande e dietro lo sfondo arancione.
In quello a destra tutto è piuttosto definito, luminoso.
Ma quello a sinistra, oh sì, quello a sinistra è precisamente lui.
Il tronco e i rami centrali sono nitidi, precisi e il resto è come sfocato. Pennellate grosse di verde sui verdi. Evidenti, sfacciate. Il trucco è svelato, eppure ci credi.
Cado in ginocchio, rapita.
Anche perché c'è una comitiva con la guida, borbottano, non vedono niente se ci sono io davanti e io non mi voglio spostare. Sono arrivata, è lui, son sicura.
Voglio carpire il segreto per trasformarlo poi in parole. Scrivere sfocato il contorno, avvicinarsi come se non fosse importante e definire, precisare, tirare fuori il succo per renderlo vivo.
Sto cercando la pietra filosofale, lo so - no, non quella di Harry Potter, quella vera di Cagliostro, per trasformare in oro lucente il piombo opaco delle mie parole.
Non è la tecnica, fessacchiotta, mi dice la pignola, è l'occhio.
Apposta sto qui a guardare. Forse, se rapisco il segreto dell'occhio, poi pure io.
E la storia? Dov'è la storia?
La storia è quel bambino. Non l'ha disegnato ma io lo vedo. Si arrampica fra i rami, si siede su quella biforcazione, là dove l'ombra si fa viola. Si mette a cavalcioni e tira fuori dalla tasca il suo pezzo di pane.
Non prenderà più le botte, l'ha promesso a se stesso. Guarda i campi arancioni, si asciuga la fronte con la manica del giacchino sdrucito. I grilli gli riempiono l'aria e le orecchie. Una formica cammina sul legno rugoso, trasporta un ago di pino.
Il resto è lontano.

Grande pino e terre rosse

Paul Cézanne, Grand pin et terres rouges, 1890-1895.
(Ero restia a mettere la foto del quadro, come se le mie parole non fossero bastanti. Non lo so se le parole bastano, come si vede dai commenti, nel post originale del 2011 non ce l'avevo messo, ma la condivisione sui social chiama l'immagine e ormai non se ne può fare a meno, mi arrendo.)


Commenti al Post: Grande pino e terre rosse


MaiMaturo il 11/12/11 alle 19:49 via WEB
Il regalo l'hai fatto anche a me, con questo post! Bellissimo. Ricco di suggestioni e suggerimenti. E poi, quella storia del bambino, alla fine. Una pennellata, pardon, un tocco d'artista. Grazie!

Hombre il 11/12/11 alle 19:53 via WEB
D'accordo, vado a nascondermi. Ma prima faccio 'sta cosa che dovevi aver fatto te, pigrona. Ed ecco a voi sua maestà il pino. Tutto eccellente, il top è il bambino e il suo pezzo di pane. per me.

Hombre il 11/12/11 alle 19:56 via WEB
uhm, avevo messo un link al pino... ma non so bene, non l'ha preso... rimedi tu?

LaDonnaCamel il 11/12/11 alle 20:04 via WEB
Eh, ci ho pensato su un po', se mettere o non mettere l'immagine. L'ideale sarebbe andare a guardarsela là, ma non potendo c'è sempre zio google
(La tua non la vedo, bo?)

LaDonnaCamel il 11/12/11 alle 20:06 via WEB
Non vedo nemmeno la mia, devono aver sabotato l'inserimento dei link nei commenti :D

OrsaBIpolare il 11/12/11 alle 20:01 via WEB
Per me quest EDS è il numero uno! E non ho letto neanche gli altri, pensa un po' ;) Tra l'altro hai scelto un quadro straordinario. (ma io ho un debole per Polsesan).

LaDonnaCamel il 11/12/11 alle 20:07 via WEB
LOL :D Grazie cara, come sai lodare tu, nessuno! :P

Lillina il 11/12/11 alle 20:19 via WEB
Se nell'ideare questo EDS avessi messo in palo un premio l'avresti vinto, bellissimo!!

LaDonnaCamel il 11/12/11 alle 22:30 via WEB
Ma allora non vale! Grazie, sei troppo buona :*

Dario il 11/12/11 alle 20:23 via WEB
La padrona di casa serve sempre i piatti migliori :-) Sai che leggendo bene noto qualcosa di nuovo nella tua scrittura? Sei più asciutta, ma senza che si noti l'opera di revisione (ecco, sono un pessimo critico ma spero si sia capito) :-) ps. spero non sparisca anche questo commento come gli altri inviati alla compagnia degli ediessari :-)l

LaDonnaCamel il 11/12/11 alle 22:39 via WEB
Ma grazie Dario, dai :) Non sai come sono contenta di averti stanato! Una cosa nuova di questo pezzo è che l'ho scritto su carta stamattina mentre curavo l'arrosto e stasera l'ho ricopiato, sarà stato il profumino ;)
Ma che è successo agli altri commenti? Spariti?

Dario il 12/12/11 alle 00:12 via WEB
di sicuro il profumino, allora ;-) per i commenti non so, ho riinviato quelli "spariti" :-)

La Carta il 12/12/11 alle 21:08 via WEB
Ho trovato una foto del dipinto in questione su d'un libro in biblioteca oggi. Molto bello, mi ha fatto venir in mente "Il barone rampante", il senso di libertà che trasmetteva. Boh, vado a farmi un giro nel bosco sopra casa, al diavolo il freddo!

LaDonnaCamel il 12/12/11 alle 21:43 via WEB
Mi fa piacere assaissimo.

Arvalius il 13/12/11 alle 11:07 via WEB
Bello. Letto davvero volentieri.
PS: Ho letto l'altra sera il tuo commento sul mio blog, ma non ho avuto tempo di scrivere niente. Sarà per la prossima volta :)

LaDonnaCamel il 13/12/11 alle 14:30 via WEB
Grazie Mario. Ti ho chiamato perché l'altra volta eri rimasto male, ti chiamerò anche la prossima.

Kisciotte il 23/02/12 alle 16:19 via WEB
Sarebbe una possibilità di valorizzare la visione della singola opera, come nella formula espositiva che da qualche anno avviene sotto le festività natalizie a Palazzo Marino. Però, sarò veniale, mi aspetto anche la parcellizzazione del biglietto. :) Un biglietto da 10 cents per l'autoritratto dell'artista, grazie!

LaDonnaCamel il 24/02/12 alle 15:37 via WEB
Daverio diceva che dove andava lui era gratis, io dico che potrebbero fare gratis almeno una mezza giornata alla settimana, per esempio la domenica mattina: una bella "educazione" alternativa ;)

Questo esercizio partecipa all'EDS descritto nei tab che seguono, clicca sui grigi per aprirli

Per un mio capriccio ho ribaltato l'ordine di apparizione: prima il racconto fatto e finito e poi tutto quello che lo giustifica, il bando dell'EDS, i commenti, i link ai contributi e le mie riflessioni. Ho paura che il processo sociale che supportava il gioco che ci ha tanto divertito all'epoca sia andato perduto, o sia difficilmente riproducibile o non sia di interesse a chi capita qui per caso. Dunque parto dal prodotto finito, e se a qualcuno interessa a seguire c'è l'esercizio come era stato formulato e le risposte di chi aveva partecipato. Poi va detto che alcune dei blog citati non sono più attivi, son passati sei anni, non te la prendere. son cose che succedono.

È in arrivo qualche giorno di vacanza, approfitto per proporti un esercizio di scrittura e spero ti sia da stimolo per tirar fuori una piccola storia.
Il prodotto di questo eds può essere un testo in prosa ma anche in poesia, una canzone, un fotoromanzo, un fumetto, un video, un cartone animato o quello che ti pare, basta che si possa fruire con un computer collegato a internet. (Fare una torta e non offrirla agli amici di blog non vale).
Tema libero e lunghezza ragionevole.

Regole
Non c'è esercizio senza regole. Stavolta ti invito a fissarti sulle parole, che sono la materia prima di questo genere di gioco. Quindi stabilisco a mio insindacabile arbitrio

- sei parole che sia necessario usare:

ASSENZA - DANNO - GINOCCHIO - PIETRA - SPIRITO - TRONCO

- una parola che sia vietato usare:

CHE

Tempo di consegna: entro una settimana (ultimo istante la mezzanotte di martedì 13 dicembre 2011)

Il sistema è lo stesso dell'altra volta: dopo che hai scritto l'esercizio sul tuo blog, vieni qui e avvisa con un commento. Alla fine farò il riepilogo con l'elenco dei partecipanti. Se non hai un blog e vuoi partecipare, oppure se hai un blog ma vuoi partecipare in forma anonima, manda una mail a ladonnacamel chiocciola gmail punto com che te lo pubblico qui.

Una cosa che mi piacerebbe
Mi piacerebbe che alla fine del gioco copiassi nel tuo blog l'elenco dei titoli con i link agli esercizi degli altri, lo farò io per prima così non ti tocca nemmeno andare a cercarli uno per uno. Non sei obbligato ma "simpaticamente" invitato a farlo e il perché te lo lascio indovinare.


Commenti al Post: EDS del ponte


Hombre il 07/12/11 alle 00:23 via WEB
vado via per il ponte, la mia assenza non arrecherà danno al concorso. vorrei mettermi in ginocchio sulla pietra e scusarmi per la defezione ma ti conosco come donna di spirito e m'immagino non te la prenda, sennò ti tronco.

LaDonnaCamel il 07/12/11 alle 09:14 via WEB
Già fattoooo?
Per me questo vale, è perfetto, conciso e preciso. Buon ponte!

hombre il 07/12/11 alle 16:35 via WEB
macché scherzavo... mi sa che ne farò uno vero.

LaDonnaCamel il 08/12/11 alle 00:09 via WEB
evvai!

Josef K. il 07/12/11 alle 20:32 via WEB
Uhm, sempre più difficile. La questione si fa interessante.

LaDonnaCamel il 08/12/11 alle 00:10 via WEB
Mamma, senza mani!

OrsaBIpolare il 08/12/11 alle 20:10 via WEB
E se la storiella fosse accaduta davvero? Quando vivevo a Londra subii un grave danno al ginocchio, decisi di operarmi in quella città nell'assenza totale di ogni familiare; ancora non sapevo nemmeno parlare bene l'inglese ma grazie al mio grande spirito di adattamento superai ogni difficoltà e fastidio, incluso il cuore di pietra del primario anglosassone. Rimasi ingessata e immobile come un tronco per svariate settimane! Ok, questa era la verità (anche se ho rispettato le regole), se avrò tempo "inventerò" qualcosa :) Ciao!


LaDonnaCamel il 09/12/11 alle 12:02 via WEB
Vale, vale, valissime!

MM il 09/12/11 alle 18:47 via WEB
Occhio malocchio
prezzemolo e ginocchio
danno malanno
il cuore non inganno

presenza e assenza
l'unione è la potenza
di pietra lo sguardo
la vita è un azzardo

tronco di pino
aria del mattino
spirito forte
inganna la morte

(Antico rito druidico - MM McLeod)

LaDonnaCamel il 09/12/11 alle 19:31 via WEB
Fichissimo, il trailer nei commenti è già tendenza!

lillina il 09/12/11 alle 18:47 via WEB
ho aderito buttando giù due righe, non so mettere i link qui, provvedi tu a passare da me? :))


LaDonnaCamel il 09/12/11 alle 19:32 via WEB
Passo io e benvenuta!
non iscritto alla Community di Libero

MM il 09/12/11 alle 18:52 via WEB
MM, in qualità di MaiMaturo, parteciperà volentieri.

LaDonnaCamel il 09/12/11 alle 19:33 via WEB
Ti aspettavo sai? Se non arrivavi spontaneamente ti venivo a prendere.

MM il 09/12/11 alle 19:58 via WEB
Urca peppa! A saperlo, restavo schisso. E' così bello farsi cercare :-)

Dario il 10/12/11 alle 15:37 via WEB
Questa volta fatto anch\\\'io :-)


LaDonnaCamel il 10/12/11 alle 17:33 via WEB
Che bello! evviva!

Hombre il 10/12/11 alle 18:16 via WEB
Hombre presente con Gianni il cinese.

LaDonnaCamel il 11/12/11 alle 10:31 via WEB
Ottimo lavoro capo!

La Carta il 10/12/11 alle 23:52 via WEB
Fa lo stesso se mi gioco tutte le parole nel titolo? :-)

La Carta il 11/12/11 alle 00:54 via WEB
La Carta all'appello, con "Tronco lo spirito della pietra, quale ginocchio conosce assenza di danno? "

LaDonnaCamel il 11/12/11 alle 10:34 via WEB
Mi sa che libero ammette solo una manciata di tag, tra cui span non è permesso. Fa niente, tanto adesso posto il primo riepilogo e ti metto in evidenza come si conviene.

magneTICo il 12/12/11 alle 00:46 via WEB
Assenza di spirito e tronco di pietra recano danno al ginocchio.

LaDonnaCamel il 12/12/11 alle 09:10 via WEB
Benvenuto magneTICo, ti metto nei trailer (per ora) anche se l'esercizio è svolto. Sinteticamente.

LaDonnaCamel il 11/12/11 alle 10:31 via WEB
Fa lo stesso :)

MaiMaturo il 11/12/11 alle 10:00 via WEB
Ecchilo qua!


LaDonnaCamel il 11/12/11 alle 10:35 via WEB
Ricevuto forte e chiaro!

 

EDS del ponte - anticipazioni

Resta connesso, questo messaggio è in continuo aggiornamento.

Mancano ancora tre giorni è già abbiamo un bel po' di partecipanti, ma la succosa e imprevista novità sono i trailer, che con grandissimo piacere tiro fuori da quella posizione sacrificata che hanno nei commenti, per portarli sotto la luce piena, olè.

In ordine di apparizione, siore e siori, abbiamo il grandissimo Hombre che lancia la mano, nasconde il sasso e poi con un precisissimo tiro si fionda:

vado via per il ponte, la mia assenza non arrecherà danno al concorso. vorrei mettermi in ginocchio sulla pietra e scusarmi per la defezione ma ti conosco come donna di spirito e m'immagino non te la prenda, sennò ti tronco.

Orsa Bipolare si schernisce ma le sue parole arrivano potenti:

E se la storiella fosse accaduta davvero? Quando vivevo a Londra subii un grave danno al ginocchio, decisi di operarmi in quella città nell'assenza totale di ogni familiare; ancora non sapevo nemmeno parlare bene l'inglese ma grazie al mio grande spirito di adattamento superai ogni difficoltà e fastidio, incluso il cuore di pietra del primario anglosassone. Rimasi ingessata e immobile come un tronco per svariate settimane! Ok, questa era la verità (anche se ho rispettato le regole), se avrò tempo "inventerò" qualcosa :)

Mai Maturo approfitta della sua fase rimica e butta là, anzi qua, un componimento poetico niente male, che per timidezza firma come MM McLeod ma noi l'abbiamo riconosciuto lostesso:

Occhio malocchio
prezzemolo e ginocchio
danno malanno
il cuore non inganno

presenza e assenza
l'unione è la potenza
di pietra lo sguardo
la vita è un azzardo

tronco di pino
aria del mattino
spirito forte
inganna la morte

(Antico rito druidico - MM McLeod)


magneTICo, Re della sintesi, lo risolve così. Chi offre di meno?:

Assenza di spirito e tronco di pietra recano danno al ginocchio.

E intanto arrivano gli esercizi veri, ecco la lista provvisoria, sempre in ordine di abracadabra:

- Lillina scrive Scrivere
- Dario (ciao amico!:) La Petite Danseuse
- Hombre ci parla di Gianni il cinese
- La Carta si gioca tutto nel titolo, ma scherzava Tronco lo spirito della pietra, quale ginocchio conosce assenza di danno?
- Mai Maturo fa La settima repubblica
- La Donna Camél che sono anch'io ha scritto Grande pino e terre rosse
- Contributo anonimo
- Lo scultore, secondo contributo anonimo


E adesso aspetto il tuo, forza.

gatti eds

(Nella telefoto, anche Astrid e Strillo aspettano il tuo racconto.)

Edit lunedì 12/12 21:47

Un contributo di La Carta, che dice:

La Carta il 12/12/11 alle 21:13 via WEB
Nessuno ce l'ha corto come il mio! (rilegge c'ho che ha appena scritto) (facepalm, non mal di testa come alcune S. sostengono)

EDS del ponte - un contributo anonimo

Stamattina nella mailbox della Donna Camel c'era questo racconto, che pubblicherò senza indicare i dati di chi lo ha scritto, come da richiesta, per partecipare all'EDS del ponte.

ASSENZA - DANNO - GINOCCHIO - PIETRA - SPIRITO – TRONCO

Un tappeto di foglie gialle mi accoglie al mio ingresso nel grande giardino. Qualche giorno di assenza a scuola e l’autunno si è già impossessato ormai di tutto lo spazio intorno. Cammino lentamente cercando di non far rumore: lo scricchiolio della ghiaia mista a foglie sotto i piedi mi distrae dai miei pensieri.
Oggi come ieri. Camminavo anche allora in punta di piedi, ma per non farmi sentire da te, la mia compagna di giochi da sempre. Ci piaceva giocare a nasconderci in quell’immenso spazio verde: i nascondigli erano sempre gli stessi, ma noi ci divertivamo un mondo. Le corse affannate, le risate argentine riempivano il cielo di vita.
Oggi no, il cielo plumbeo rimanda solo tristi presagi riflessi nelle pozzanghere. È passato troppo tempo: allora correvamo nel fango, ora cammino in punta di piedi per evitare di affondare con i tacchi alti.
Una volta, correndo, sei scivolata e cadendo su di una pietra, ti sei sbucciata un ginocchio: il danno sembrava piuttosto grave e ti ho vista piangere per la prima volta. Mi sono spaventata, ti eri fatta male e io, chissà perché, mi sentivo in colpa.
Ti ho accompagnata sorreggendoti per la vita, non ce la facevi a camminare e ti sei seduta sopra un tronco lì vicino: ti ho fasciato il ginocchio con il mio fazzoletto e mi hai finalmente sorriso tra le lacrime.
Credo di averti visto poche volte piangere: spirito forte, libero e indipendente, ti ho sempre ammirata, la più brava a scuola, sempre, fino all’università, per me come una dea, una roccia.
Per un periodo ci siamo perse e poi ritrovate per caso, insegnanti nella stessa scuola. I fili magicamente riannodati, le compagne di gioco diventano compagne di lavoro, e come un tempo, l’intesa è perfetta: i tuoi occhi brillano e io so già cosa vuoi dire.
Anche l’altra sera, in ospedale, ho guardato i tuoi occhi neri, profondi e velati ed ho capito: non stavi piangendo, tu non piangi quasi mai.
I pensieri si affollano nella mia mente, un peso enorme mi sovrasta, mi tolgo il cappotto e lo appoggio all’attaccapanni: il tuo posto è là, vuoto. Strano non vedere la tua sciarpa rosa, quella con i brillantini o “sbrilluccichi” come dici tu: la lasci spesso appesa lì, quasi a tenerti il posto, e poi, rauca di troppe sigarette, ti lamenti: - Oggi non ho voce, ho preso freddo ieri, senza sciarpa, non posso fare scuola così, in classe non mi sentirà nessuno.-
Ti sentono, eccome, i ragazzi, non solo la tua voce roca da fumatrice incallita, ma sentono la tua passione, la tua forza comunicativa: schietta, ironica e diretta, talvolta colpisci al cuore, nel bene e nel male.
- Sto male, sì, ma, vedrai- mi hai detto l’ultima volta con una voce flebile, rotta dall’affanno- non permetterò certo a “questa cosa qui” di impedirmi di tornare.-
Hai indicato l’addome stranamente gonfio, sorridendo quasi fosse uno scherzo: ma i tuoi occhi, una voragine nera di dolore, non mentivano e allora, un brivido è sceso nella schiena, ed ho capito.
Cammino piano, cercando di non far rumore: i tacchi rimbombano troppo nell’atrio della scuola. Non voglio disturbare: la campanella della seconda ora non è ancora suonata.
Riprendere a insegnare è dura, senza di te, non so proprio quali parole userò per dirlo ai ragazzi.


Commenti al Post: Un contributo anonimo





Lillina il 13/12/11 alle 10:01 via WEB
Un pugno allo stomaco ecco cos'ho sentito...Non trovo altre parole

LaDonnaCamel il 13/12/11 alle 14:29 via WEB
È un pezzo notevole, sì, è piaciuto anche a me. Spero che l'autore legga questi commenti e risponda qui: può restare comunque anonimo.

MaiMaturo il 13/12/11 alle 17:37 via WEB
Gran bel racconto. Ho sentito un gran freddo e ho gli occhi lucidi. Il dolore arriva forte e chiaro. Complimenti Anonimo!

Anonimo il 14/12/11 alle 20:27 via WEB
Grazie di cuore per le vostre belle parole, sono contenta che l'emozione sia arrivata... Il racconto è nato quasi di getto, come se il dolore volesse uscire fuori e materializzarsi sulla carta...

Dario il 14/12/11 alle 21:54 via WEB
Dignità e fierezza, raccontare senza inseguire scorciatoie: ecco direi che questo è ciò che più mi è piaciuto :-)

EDS il ponte - Lo scultore - secondo contributo aninimo

 

Mi è arrivato un altro racconto anonimo. Questa cosa mi lusinga, non pensavo di avere tanti seguaci nascosti nell'ombra. Mi raccomando, tu che leggi, commenta anche questi racconti anche se non sappiamo di chi sono, soprattutto perché non sappiamo di chi sono. Ricordati cosa diceva il vecchio Re: è la storia, non chi la racconta.

Lo scultore

E’ il primo colpo di martello, quello più impegnativo. Basta un’esitazione, un tentennamento della mano e il danno è fatto.
Carlo, in piedi davanti al blocco di marmo, non riesce a decidersi. Si sente arenato, come uno scrittore fermo sulla pagina bianca.
La statua non si svela. Si fa desiderare, nascondendosi all’interno della pietra.
Lo scultore è tormentato da un’immagine: una bimba, in ginocchio, china su una tana scavata alla base di un salice. La composizione lo assilla già da qualche anno. Questa bambina urla per uscire.
E Carlo sente quell’urgenza, la avverte con tutto il suo corpo. Cerca di concentrarsi: “Cosa manca ancora?”. Tutto inutile. Qualcosa gli sfugge. Si gira, nervoso, e raggiunge il tavolo in fondo alla stanza.
Sopra, fogli pieni di schizzi a carboncino: particolari del busto, mille dettagli del viso. Quanto ha patito prima di trovare l’espressione voluta! Notti insonni spese nel tentativo di rappresentare, almeno sulla carta, quella bocca e quello sguardo, così chiari nella sua mente. Il significato di quest’opera è racchiuso nell’espressione. La bimba, inginocchiata, attratta dal nascondiglio e al tempo stesso bloccata dalla paura. L’indecisione della mano, tesa verso la tana, è secondaria. Tutto dev’essere rivelato dal volto.
Tratteggiare il tronco di salice, invece, è stato più semplice. E’ il soggetto di sfondo, importante solo per il rifugio nascosto tra le sue radici. Pochi tratti, necessari per accompagnare l’occhio in basso, verso la tana.
Carlo è affascinato dalla tecnica orientale, in cui il soggetto non è mai completamente tracciato. Qualche colpo di scalpello sufficiente per far percepire il tutto. I particolari non devono spiegare la scultura. La loro assenza, piuttosto, rende l’osservatore sensibile alle intenzioni dell’artista.
L’opera deve scorrere nell’animo dello spettatore, come il liquido fluisce in una ciotola vuota e si adegua alla forma del contenitore. Niente di esplicito. Tutto è lasciato al sentimento di chi guarda.
Accompagnato da questi pensieri, chino sul tavolo, Carlo esamina i fogli. Li separa con le mani. Poi li solleva e li scorre uno a uno. Un’ultima correzione a un dettaglio della mano destra della bambina. E’ stremato, quindi pronto a iniziare. La mente si fa silenziosa, per lasciar parlare lo spirito.
Con decisione, afferra martello e scalpello e si avvia verso la pietra. Colpisce. E finalmente l’ispirazione fluisce libera, come un fiume in piena non più costretto tra gli argini. Le martellate si susseguono rapide e precise. Ogni colpo alleggerisce il marmo e scopre la statua. Ora è sereno, felice: sta liberando la bambina.

Questo racconto mi è stato inviato in forma anonima per partecipare all'EDS del ponte, le regole sono qui e la scadenza, lo ricordo, è a mezzanotte.



Commenti al Post: Lo scultore



Lillina il 13/12/11 alle 22:24 via WEB
Anche questo molto bello. Vado ad aggiornare la lista sul mio blog come lo chiamo anonimo 2?

Anonimo2 il 15/12/11 alle 20:14 via WEB
Grazie Lillina.

Dario il 14/12/11 alle 21:59 via WEB
Messo qui da solo non mi ha convinto molto; è come se, prepotenti, un prima e un dopo reclamassero la loro parte.

Anonimo2 il 15/12/11 alle 20:17 via WEB
Grazie Dario. Mi aiuterebbe, se non è troppo disturbo, sapere quali sono le tue domande rimaste "sospese"

Dario il 16/12/11 alle 19:56 via WEB
Non discutevo la qualità :-) E' come se mi fossi trovato ad aprire un libro fermandomi a leggerne una pagina a caso :-)

Anonimo2 il 16/12/11 alle 20:24 via WEB
Dario, ti ringrazio molto, davvero. Non mi sono assolutamente offeso. Ti ho chiesto lumi per valutare i limiti del mio EDS. Ho scelto l'anonimato per evitare i "commenti di scambio" e avere pareri sul testo. Senza osservazioni o critiche resterei sempre fermo e non affinerei lo stile. Da quel che ho letto sul tuo blog, scrivi molto bene e quindi la tua osservazione vale molto, per me. Nella testa di chi scrive è tutto chiarissimo; il difficile è far arrivare lo stesso messaggio a chi legge. Quindi ancora grazie. Mi hai dato spunto per altri due EDS. il prequel e il sequel. :-)

LaDonnaCamel il 17/12/11 alle 13:03 via WEB
> Mi hai dato spunto per altri due EDS. il prequel e il sequel Qui è sempre aperto, in caso.

MaiMaturo il 15/12/11 alle 19:45 via WEB
A me piacque. Anzi parecchio.

 

EDS il ponte - finalino a cura della badessa

eri notte è finito l'eds, ora è tempo di bilanci.
Bisognava scrivere una storia includendo sei parole (ASSENZA, DANNO, GINOCCHIO, PIETRA, SPIRITO, TRONCO) e escludendone una, ma tosta (CHE).
La partecipazione è stata numerosa e qualificata, i racconti mi sono sembrati mediamente buoni con punte di eccellenza.
La difficoltà, te ne sarai accorto se hai partecipato, non era nelle parole da includere, che ho scelto tra quelle di uso comune e possibilmente con qualche significato supplementare, ma nella particella da evitare. Il vantaggio di essere costretti a controllare meglio la struttura delle frasi per evitare il CHE è stato, a mio avviso, aumentato dalla necessità di non poter usare le subordinate relative. Non è che le relative mi stiano antipatiche eh, però rendono la prosa più banale - se non sciatta. Lo so perché ne sono vittima per prima, oltre al fatto di abusare sempre troppo impropriamente del che al posto di perché, questo è un mio brutto viziaccio.
E così abbiamo scritto tutti un po' meglio (oppure un po' di più come piace a me, è tutto soggettivo alla fin fine)
Un altro vantaggio di doversi concentrare sul che è quello di lasciare libera una parte dell'attenzione non cosciente, visto che quella cosciente era impegnata. Ma questo l'hanno potuto apprezzare solo quelli che hanno una qualche inibizione a scrivere, non certo tu ;)

E ora gli incipit in ordine di apparizione:

Lillina
Scrivere sullo scrivere, sull'imparare a scrivere e sull'insoddisfazione cronica di chi scrive. Avrei preferito una storia un po' più personale, mi sembra che hai avuto paura e sei rimasta sulla superficie del problema. Se invece di dire "noi" oppure "la maggior parte" avessi scritto "Io" forse avresti tirato fuori qualcosa di più originale e il tuo esercizio ne avrebbe giovato. Ah, dimenticavo: lo spazio va messo "dopo" la virgola :-)

"Scrivere.
Per alcuni è una necessità, a volte superiore a quella di leggere, già qui ci sarebbe da approfondire parecchio.
Si seguono corsi di scrittura creativa ,  per imparare regole come l'uso  dei sinonimi  , una frase assume un significato a secondo di questo,se scrivi ti tiro una PIETRA in testa anzicchè un ciottolo raggiungi più efficacemente l'obbiettivo di descrivere non solo l'azione ma anche l'implicazione del gesto stesso." Continua a leggere

Dario D'Angelo
Dario ha applicato la reticenza del poeta a un testo in prosa che dice molto di più di quello che racconta. La specialità di Dario sono le poesie brevi e fulminanti e i testi in quella specie di siciliano addomesticato inventato da lui, con una forma musicale e ellittica che richiede molto al lettore, sia in termini di immaginazione che di comprensione (lo faceva prima che Camilleri diventasse famoso, lo so perché già lo leggevo: cerca Condomini  nei tag del suo blog e capirai di cosa parlo.)
Questo racconto mi sembra tra i migliori che ha scritto in italiano, le suggestioni sono proposte con un ritmo a levare, senza una sillaba in più dello stretto necessario e questo vuoto che si crea nel lettore è precisamente quello che il racconto vuole rappresentare. Se tutto sembra già dichiarato nell'incipit,  l'emozione viene suscitata dal testo intero, dall'inizio alla riga finale:

"La Petite Danseuse
9° esatti, il prosecco ammorbidisce il ricordo mentre ancora parlo di te, della tua assenza, parlando d'altro, vivendo altro.
Nicole sfoglia con me le pagine della guida, sorride e già sogna di volteggiare leggera" Continua a leggere

Hombre è Hombre e già ho detto tutto. Ha uno stile solido e sicuro, le parole sono strumenti che sa adoperare con estrema precisione e senza incertezze. Hombre sa sempre quello che fa, o almeno riesce a dare questa impressione ai suoi lettori. L'ironia è la sua arma segreta che sa dosare con giusta misura qualsiasi registro decida di utilizzare. Questo racconto amaro ne è una prova: può far ridere e piangere come vuole lui, articolando la complessità dell'esistenza col chiaroscuro e i colori, le luci, le ombre, e tutto quello che ci sta in mezzo: non per niente è Hombre.

"Gianni il cinese
Licenziato in tronco, questo è. Alla MUG facevamo monitor di ultima generazione. Improvvisamente sono diventati di penultima generazione e dopo ancora di una generazione perduta nel Pleistocene o giù di lì. Erano quelli a cassettone, per intenderci, erano italiani, erano perfetti. Alla fine ingombranti." Continua a leggere

La Carta  lascia intendere di essere un ragazzetto nemmeno maggiorenne, insinua inesperienza, per non dire ingenuità, ma io mica ci credo. Per me questo è un vecchio professore di filosofia prossimo alla pensione, eccentrico quanto erudito. Mica si spiegherebbe altrimenti quella profondità che mette nelle cose che scrive, il coraggio e la sicurezza. Questo racconto è post modernismo puro, ricerca stilistica e originalità semantica. Un ragazzino. Seh.

"Tronco lo spirito della pietra, quale ginocchio conosce assenza di danno?
Eppure ci fu un tempo.
L'odore del sangue mi disgusta tutt'ora.
Eppure ci fu un tempo.
Sento distintamente la rotula pulsare, non è dolore, ma calore piuttosto.
Eppure ci fu un tempo.
In cui non lo avrei sopportato." Continua a leggere 

MaiMaturo  è un vero giocatore delle parole, il partecipante ideale di ogni eds. Questa volta ha scritto una bella ucronia, inventandosi di sana pianta tutto un mondo intorno a una premessa che pare di fantasia ma è satira politica oppure cabaret. Le allusioni sono ben piazzate, fa sorridere, ridere e sghignazzare. La leggerezza è la sua cifra e questo racconto è un palloncino scappato dalla mano di un bimbo alla fiera. Chissà come mai avrà scelto questo nick?

"La settima repubblica

Il primo segnale fu un aumento delle risse nei condomini.
Si litigava per il posto macchina, per l’ordine dei nomi sul citofono, per il colore dei capelli dei vicini. Il nervosismo, a poco a poco, si estese: dai palazzi alle piazze, da queste ai piazzali fino a interessare tutta l’Italia." Continua a leggere


Anonimi

Avevo aperto la possibilità di partecipare anche a chi non avesse un blog e, con mia grande sorpresa, mi hanno presa in parola in due! Anonimi non vuole dire che mi hanno mandato una mail da una casella in bianco, vuol solo dire che per me sono sconosciuti, non ci sono link o blog e l'account non mi dice niente, in più mi si prega di non renderlo pubblico e io acconsento. Quello che mi dispiace è il silenzio di piombo dei commentatori: allora aveva ragione Hombre sull'uso del commento di scambio?

Il primo racconto è senza titolo, racconta una storia triste per immagini e ricordi, senza compiacimento. Non so se si tratta di un fatto vero, non so chi sia l'autore però posso dire che è ben scritta e la commozione passa al lettore, ci si può immedesimare. Leggi il racconto.

Il secondo pezzo anonimo parla dell'ansia creativa, mi fa piacere che in questo eds sia stata rappresentata da diverse forme d'arte, la danza, la pittura, la scultura e la scrittura - è per questa che siamo qui, no? Mi fa piacere perché anche io ne ho parlato, il passaggio da una forma d'arte a un'altra è sempre carico di significati, aiuta a comprendere qualcosa di più di questo che, per me, resta sempre un mistero. L'ispirazione, la sublimazione, il rapporto con la creatura. Per quanto se ne parli non se ne viene mai a capo. E l'ansia, il desiderio di raggiungere una meta che non si conosce appieno, l'incertezza e infine il momento decisivo sono descritti in modo convincente in questo racconto del secondo autore anonimo. Leggilo.

Il mio racconto è qui.

Josef K questa me la paghi: invece di partecipare all'eds hai scritto un racconto bruttissimo per un concorso su facebook: boooo! :P


Commenti al post Finalino a cura della badessa



MaiMaturo il 14/12/11 alle 20:50 via WEB
MM, detto l'ucronico, è orgoglioso di far parte di questa allegra e scelta brigata. Grazie LDC per l'ottima idea. Gli EDS sono una manna.

LaDonnaCamel il 15/12/11 alle 15:41 via WEB
Ho detto più di qualche volte che scrivere è il mio gioco preferito e in compagnia è ancora più bello. Grazie a te per esserci, ti conterò sempre.

Dario il 14/12/11 alle 22:04 via WEB
:-) ps. grazie per questo ritorno a leggeri, divertenti, necessariamente inutili eds :-)

LaDonnaCamel il 15/12/11 alle 15:43 via WEB
Dario, non ti sembra di essere ringiovanito di qualche anno? ;)

Dario il 16/12/11 alle 19:52 via WEB
Venti anni in meno :-)

LaDonnaCamel il 16/12/11 alle 23:13 via WEB
'saggerato. Una dozzina al massimo.

Dario il 14/12/11 alle 22:08 via WEB
L'assoluta necessità dell'inutile :-)

LaDonnaCamel il 15/12/11 alle 15:43 via WEB
olè!

Anonimo1 il 14/12/11 alle 22:33 via WEB
Grazie LDC per il tuo commento al mio racconto, ne sono veramente lusingata... La storia è vera, anche se ne ho cambiato qualche piccolo particolare, rimane sempre riconoscibile (ecco il perchè dell'anonimato, proprio per rispetto a chi non c'è più...)

LaDonnaCamel il 15/12/11 alle 15:46 via WEB
Bè, non basta un dolore per scrivere un racconto, ci vuole anche una certa capacità di generalizzarlo per renderlo condivisbile. Un abbraccio.

Hombre il 15/12/11 alle 11:53 via WEB
lusingato da cotanta critica. grazie, fa bene scrivere, fa troppo bene. ho lo stesso dubbio tuo su La Carta. per adesso.... ciao

LaDonnaCamel il 15/12/11 alle 15:50 via WEB
Cerco solo di dire quello che penso senza troppe smancerie. (Anche quando, ehm ehm, scherzo ;)

Josef K. il 16/12/11 alle 11:15 via WEB
Chiedo umilmente perdono, certo non avrò partecipato, ma almeno le ho lette quasi tutte. Anche la tua! Bella.

LaDonnaCamel il 16/12/11 alle 12:29 via WEB
Tzé, tzé.

MaiMaturo il 16/12/11 alle 20:43 via WEB
Nel senso della mosca? Vabbè, scusa, vado via.

LaDonnaCamel il 16/12/11 alle 23:12 via WEB
Sì.

chiara il 02/01/12 alle 19:02 via WEB
Uh, ma perché me ne sono accorta solo adesso? La prossima volta ci sono anche io! E baci e buon anno, intanto.

LaDonnaCamel il 02/01/12 alle 19:24 via WEB
Ciao Chiara Melusina Camilla non so più come ti devo chiamare :-) La prossima volta ti vengo a cercare a casa nuova: la chiusura di splinder ha generato un bel movimento!

 

Vuoi leggere anche questi?

scrivere è il mio gioco preferito

"Scrivere è il mio gioco preferito" il mio motto è piaciuto anche all'amica Freevolah che l'ha interpretato così su Instagram.

Compra il romanzo L'occhio del coniglio
Libro, mobi, epub compra su Amazon e su Lulù

Chi mi ama mi segua

Il sistema di gestione dei contenuti Joomla e il software di conteggio accessi installato in questo sito utilizzano i cookies per migliorare le funzioni di navigazone. Cliccando sul bottone arancione avrai fornito il tuo consenso e questo avviso non verrà più mostrato. Se non accetti l'uso dei cookies abbandona questo sito web.