testata camel

Il diario intimo della Donna Camèl con l'accento sulla el

Il blog della Donna Camèl è nato alla fine dell'estate del 2006, poco dopo l'apice del massimo splendore ma molto prima del declino dei blog in quanto moda.
È stato sempre su una piattaforma gratuita che negli anni ha cambiato nome e proprietari: ci sono capitata per una serie di circostanze fortuite e perché tutti i miei amici erano già lì, poi loro sono andati via tutti e io sono rimasta, irriducibile, a parlare di scrittura creativa, a proporre esercizi e racconti. Ci ho pubblicato pure un romanzo a puntate, un momento impagabile di intimità con i miei lettori.
Infine mi sono decisa a traslocare anch'io, lo porto qui a casa mia, se non tutto tutto la maggior parte: l'archivio. Non so quanto ci metterò, son più di 1000 articoli e li sposto con cura uno a uno, ma ho pazienza e la voglia di lavorare non mi manca: comincio oggi che è un lunedì ed è il 24 luglio 2017.

Segui la pagina facebook del blog - iscriviti al feed

 

 

L'algoritmo del paté è una metafora: per forza: il paté è un'arte, non una scienza esatta. Impossibile riprodurre il rapporto stechiometrico degli elementi, nemmeno con la bilancia atomica. Nemmeno controllando temperatura-pressione-umidità relativa. La materia culinaria proviene dalla vita, proprio come la materia narrativa. Una vita un po' meno consapevole, quella delle galline che generosamente hanno donato il proprio fegato per il compimento della sublime miscela. Ma non è detto...
Il risultato è sempre maggiore della somma delle sue parti, ma l'ingrediente fondamentale è l'amore. L'amore che bisogna mettere in tutte le cose, per la migliore riuscita, se no la maionese impazzisce, la torta non lievita, il racconto non convince.


Se volete cimentarvi in questo esercizio di stile, procuratevi 200/300 grammi di fegatini di pollo, mondati dalle loro amare pellicine, e 100 grammi di fegato di vitello.
Un bagnetto nel latte li renderà più soavi, ma se preferite le sensazioni forti lasciateli nature. Una grossa cipolla verrà tagliuzzata e adagiata in una padella larga e accogliente, una foglia d'alloro e un rametto di salvia le faranno buona compagnia, ma solo durante la cottura, perché l'intensità di certi sapori deve essere ambigua come un secondo piano di lettura. Una generosa fetta di burro servirà ad appassire questi vegetali, finché non siano degni di accogliere i fegati, scolati e tagliati a pezzetti. Il fuoco sia dolce e il cucchiaio di legno.
È cotto? Allora aggiungete il sale e buttate tutto nel robot.
Ma non è ancora finita: bisogna metterci il prosciutto cotto, che potrebbe essere cento grammi, e la besciamella. Per la prima esperienza vi concedo quella industriale, che si munge dal parallelepipedo di cartone, ma in seguito, quando non vi accontenterete delle frasi fatte, sono certa che interverrete anche in questa fase del processo per controllarne ogni minimo particolare. Quanta? poca: due, tre cucchiaiate. Come certe descrizioni paesaggistiche, serve per legare, ma diminuisce il sapore.
E poi il burro crudo. Tanto, tanto burro. Il burro è il sistema portante del patè, la sua struttura. Non siate tirchi: almeno 200 grammi.
E ora gira, macchinetta. Trita, mescola, monta.
Ho detto tutto? No, manca ancora un particolare: è solo in questo finale, decisivo momento, che io aggiungo un bicchierino di cognac. Mi piace farlo mentre il magma vitale si contorce e la metamorfosi si compie. Il liquido dorato viene inghiottito, esalando sospiri inebrianti e spiritati.
Non assaggiatelo ora, golosoni: il patè deve essere freddo, altrimenti certi sapori prevaricheranno gli altri e vi sembrerà di avere sbagliato tutto.
Lasciate invece che la vostra opera viva di vita propria. Ciò che è stato è stato. La ricerca della perfezione verrà nella reiterazione dei gesti iniziatici, i particolari verranno resi sublimi con la ripetizione rituale della formula, quando non avrete più bisogno di consultare gli appunti ma l'avrete fatta vostra.
Per sempre

 


Commenti al post

Midnight_Shadow il 09/11/06 alle 14:56 via WEB
Lo sai che il fegato mi repelle. Ma il tuo patè, soprattutto per come l'hai raccontato, mi fa sempre venir voglia di cambiare gusti :)
Rispondi

  • LaDonnaCamel il 09/11/06 alle 15:01 via WEB
    Quando ti senti pronta dimmelo. ;)  
    (questa cosa qui sopra può sembrare un po' ambigua: non intendo in "quel" senso!!!:D)

  • illegalefancazzista il 09/11/06 alle 19:00 via WEB
    lo accompagnerei con un vino bianco, secco, leggermente frizzante

  • AmicoHombre il 25/11/13 alle 14:01 via WEB
    mannaggiatté se lo fai buono! O quanto amore ci metti :*

  • LaDonnaCamel il 25/11/13 alle 14:43 via WEB
    Ma l'hai vista la data? :-P
  •  

     

    e-max.it: your social media marketing partner
     

    Vuoi leggere anche questi?

    Compra il romanzo L'occhio del coniglio
    Libro, mobi, epub compra su Amazon e su Lulù

    Chi mi ama mi segua

    Il sistema di gestione dei contenuti Joomla e il software di conteggio accessi installato in questo sito utilizzano i cookies per migliorare le funzioni di navigazone. Cliccando sul bottone arancione avrai fornito il tuo consenso e questo avviso non verrà più mostrato. Se non accetti l'uso dei cookies abbandona questo sito web.