testata camel

Il diario intimo della Donna Camèl con l'accento sulla el

Il blog della Donna Camèl è nato alla fine dell'estate del 2006, poco dopo l'apice del massimo splendore ma molto prima del declino dei blog in quanto moda.
È stato sempre su una piattaforma gratuita che negli anni ha cambiato nome e proprietari: ci sono capitata per una serie di circostanze fortuite e perché tutti i miei amici erano già lì, poi loro sono andati via tutti e io sono rimasta, irriducibile, a parlare di scrittura creativa, a proporre esercizi e racconti. Ci ho pubblicato pure un romanzo a puntate, un momento impagabile di intimità con i miei lettori.
Infine mi sono decisa a traslocare anch'io, lo porto qui a casa mia, se non tutto tutto la maggior parte: l'archivio. Non so quanto ci metterò, son più di 1000 articoli e li sposto con cura uno a uno, ma ho pazienza e la voglia di lavorare non mi manca: comincio oggi che è un lunedì ed è il 24 luglio 2017.

Segui la pagina facebook del blog - iscriviti al feed

 

 

Piove e tira vento. Mi tocca uscire, cerco nel mucchio di ombrelli spiegazzati il meno rotto e mi avventuro nella bufera. Ho preso quello a spicchi colorati.
Ha solo una stecca spezzata, e il moncherino mi pende sulla testa. E' un peccato perche' e' un bell'ombrello allegro, piu' lungo e piu' grande del normale, ripara bene la pioggia e non si perde quando viene infilato in quei portaombrelli affollati, si nota subito il suo bel manico di plastica verde che li sovrasta tutti, gli altri ombrelli di lunghezza banale. E' un peccato che non possa farlo riparare. L'ombrellaio e' una razza estinta, proprio come il muleta e lo strasce': oggi non val piu' la pena di riparare niente: la roba vecchia, ma anche solo imperfetta, si sostituisce con quella nuova.

 

Io me la ricordo, la voce dell'ombrellaio che gridava quando arrivava nel quartiere. Sembrava un ululato, perche' si sentiva solo l'ultima sillaba, un AIOOOO strascicato, come se a furia di urlare fosse stanco di pronunciare la parola intera. Ma invece da vicino potevi sentire che la diceva tutta, gli usciva in crescendo con un suono che aumentava man mano, ombrelAIOOOOO, con una elle sola, oppure anche umbrelEEEEEE. Da vicino faceva anche un po' paura. Mia nonna mi mandava giu' a portargli l'ombrello nero del nonno, col manico di legno. L'ombrellaio sedeva per terra in un angolo della strada, appoggiato contro il muro. Era vestito male e anche un po' sporco, teneva vicino un involto con le stecche di ricambio, fili e cartoccini di giornale pieni di piccoli pezzi misteriosi, le dita annerite e callose.

Se potessi recuperare il mio vecchio ombrello, invece di cercarne uno nuovo che comunque sarebbe di poco prezzo e si romperebbe subito, come tutti gli altri.
Una volta gli ombrelli si tenevano da conto, se venivano sbadatamente dimenticati da qualche parte si tornava indietro a cercarli, si finiva per affezionarcisi, anche a quelli vecchi. Non era solo per i soldi, credo. Si faceva cosi' per tutte le cose, si usavano fino all'ultimo, finche' erano in grado di svolgere il loro compito. Oh, non e' che sono qui per fare una tirata contro la modernita' e la vita in campagna e le mezze stagioni che dove sono andate a finire. Solo che ci sono delle volte piovose e umide che mi sento un po' come un ombrello.

Oggi, per esempio, che c'e' il sole.


Commenti al post

illegalefancazzista il 06/11/06 alle 12:35 via WEB
magnifica metafora.... un pò come quei pescivendoli che scendevano dal caretto, in genere un'ape 50, ed incartavano il pesce nell'edizione di ieri del Sole...

  • LaDonnaCamel il 07/11/06 alle 11:56 via WEB
    Mi piacciono sempre le metafore che riguardano i pesci ;)

  • illegalefancazzista il 07/11/06 alle 16:42 via WEB
    ricordo quelle canotte di lana grezza, unte e bisunte, rammendate o con qualche buco

  • LaDonnaCamel il 07/11/06 alle 20:28 via WEB
    Bravo, mi sembra giusto per par condico: non solo pesci, anche buchi! :D

  • illegalefancazzista il 08/11/06 alle 10:41 via WEB
    sì, in genere un paio, alle volte solo uno in più

  • rospia il 07/11/06 alle 11:05 via WEB
    l'ombrellaio che dici tu lo ricordo come un sogno lontano...soppiantato da quella voce registrata infernale che recita: DONNE, E'ARRIVATO L'ARROTINO, DONNE, AGGIUSTA OMBRELLI, CALDAIE....che incubo! Credo che la stessa cassetta giri in tutta italia, sempre la stessa.

  • LaDonnaCamel il 07/11/06 alle 11:53 via WEB
    Brava! Guarda qua :)))

  • bluewillow il 07/11/06 alle 12:42 via WEB
    da me l'arrotino-ombrellaio passa ancora, però è vero che ormai non si ripara più nulla :)!

  • LaDonnaCamel il 07/11/06 alle 20:26 via WEB
    Mettero' su una petizione per la riparazione delle vecchie carrette: antirughe gratis per tutte! :D
  • e-max.it: your social media marketing partner
    Condividi questa pagina!

    Compra il romanzo L'occhio del coniglio
    Libro, mobi, epub compra su Amazon e su Lulù

    Chi mi ama mi segua

    Il sistema di gestione dei contenuti Joomla e il software di conteggio accessi installato in questo sito utilizzano i cookies per migliorare le funzioni di navigazone. Cliccando sul bottone arancione avrai fornito il tuo consenso e questo avviso non verrà più mostrato. Se non accetti l'uso dei cookies abbandona questo sito web.