testata camel

Il diario intimo della Donna Camèl con l'accento sulla el

Il blog della Donna Camèl è nato alla fine dell'estate del 2006, poco dopo l'apice del massimo splendore ma molto prima del declino dei blog in quanto moda.
È stato sempre su una piattaforma gratuita che negli anni ha cambiato nome e proprietari: ci sono capitata per una serie di circostanze fortuite e perché tutti i miei amici erano già lì, poi loro sono andati via tutti e io sono rimasta, irriducibile, a parlare di scrittura creativa, a proporre esercizi e racconti. Ci ho pubblicato pure un romanzo a puntate, un momento impagabile di intimità con i miei lettori.
Infine mi sono decisa a traslocare anch'io, lo porto qui a casa mia, se non tutto tutto la maggior parte: l'archivio. Non so quanto ci metterò, son più di 1000 articoli e li sposto con cura uno a uno, ma ho pazienza e la voglia di lavorare non mi manca: comincio oggi che è un lunedì ed è il 24 luglio 2017.

Segui la pagina facebook del blog - iscriviti al feed

 

 

Ho riportato qui le puntate tutte insieme ma nel blog originale erano state pubblicate un po' alla volta, come un vero e avventuroso romanzo d'appendice, e di conseguenza i commenti. La storia è semivera e a sua volta era stata scritta ancora prima, per un'altra occasione, ma del resto le vicende narrate affondano le radici nel tempo.

(Editato il 31 luglio 2017)

 

Ho riportato qui le puntate tutte insieme ma nel blog originale erano state pubblicate un po' alla volta, come un vero e avventuroso romanzo d'appendice, e di conseguenza i commenti. La storia è semivera e a sua volta era stata scritta ancora prima, per un'altra occasione, ma del resto le vicende narrate affondano le radici nel tempo.

(Editato il 31 luglio 2017)

 

Capitolo primo: Siam pronti a partir

Capitolo primo: Siam pronti a partir

Ho tirato fuori l'album del Sahara per rinfrescarmi la memoria. E' un grande quaderno ad anelli con i fogli in cartoncino bianco e vicino alle foto ci sono le mie annotazioni: date, nomi, luoghi (scordatevelo! :P).

Così posso ricordare che siamo partiti da Milano il 20 luglio del 1978, mica male: ci potrei scrivere un romanzo storico.

Ma, già che ci siamo, sarebbe meglio andare indietro ancora di qualche mese, fino alla primavera di quell'anno, quella sera a casa di J&B (che sembra una marca di whisky ma giuro che non è così).
Erano gli unici della compagnia già sposati, così la loro casa diventava per forza un centro gravitazionale, un posto dove andare invece del bar.

Eccoci tutti quanti inginocchiati o seduti per terra intorno alla carta ben spianata, e B che spiegava l'itinerario, minimizzava i problemi, decideva le tappe. Lui c'era già stato: Tunisia, Algeria e Marocco, aveva solo diciassette anni, uno zaino e il portafoglio bello pieno. Qualunque cosa si volesse fare, B l'aveva già fatta, come se avesse vissuto un'altra vita, prima, e aveva solo un paio d'anni più di noi.

M annuiva entusiasta, io domandavo che ci andavamo a fare nel deserto in agosto, o comunque nel deserto: a me piaceva il mare. Niente, mi fu promesso che prima e dopo ci saremmo fermati anche al mare: allora accettai - perplessa.

Ma non volevamo partire come degli sprovveduti: ci saremmo preparati a dovere. B aveva un vecchio furgone, ci avrebbe messo dei mobili e l'avrebbe trasformato in un camper. Noi? Be', avevamo la cinquecento di M e la tenda canadese.
Ah no, io non ci dormo in tenda, chissà che bestiacce strisciano da quelle parti: serpenti, scorpioni, scarafaggi immondi… E va bene, allora facciamo l'air-camping.
E cosi' fu fatto.

 

la donna camel va nel sahara

 


M comprò un portabarca da fissare sul tetto del cinquino e un'asse di truciolare della misura giusta, cioè due metri per centodieci, come la tenda. Poi fabbricò quattro colonnine di ferro da fissare al paraurti davanti e dietro, per distribuire il nostro peso. La tenda fu inchiodata al legno, con i pali già fissati e piegati da un lato. Al bisogno, bastava rizzarli in piedi e in trenta secondi la tenda era montata.

 

Ci procurammo un frigorifero trivalente (molto, molto piccolo), poi tre ruote di scorta, taniche per l'acqua e per la benzina, dato che avremmo dovuto percorrere dei tratti di mille chilometri senza poter fare rifornimento, e meno male che la macchina consumava poco.
E poi pezzi di ricambio, ma non chiedetemi cosa, e le toppe per aggiustare le gomme, e un sacco di viveri, fornellino, pentoline, acqua minerale, e cento - dico cento - lattine di cocacola.

Per far entrare tutto nella cinquecento togliemmo il sedile di dietro e stivammo la roba in modo da poter prendere quello che ci serviva via via senza spostare ogni cosa. Questa soluzione insospettì i funzionari della dogana a Tunisi, che vollero compiere una ispezione accurata, scombinandoci l'inventario, in modo che per tutto il viaggio non fummo più capaci di trovare niente al momento opportuno… ma non anticipiamo.

Capitolo secondo: Più gente entra più bestie si vedono

Capitolo secondo: Più gente entra più bestie si vedono

Con noi sarebbe venuta anche I., la sorella di B, e tre suoi amici con una Jeep. Sul camper avrebbero viaggiato anche W e G, in totale facevamo una bella carovana di tre macchine e dieci persone.

Ed e' così che ci immortala la prima foto dell'album, scattata dalla mamma di J al momento della partenza.

Ci imbarcammo a Genova e in 24 ore eravamo in Tunisia: dopo avere espletato lunghissime e soffocanti pratiche doganali eccoci pronti per esplorare l'Africa.

Due parole sul viaggio in traghetto solo per menzionare che, in coda per la cena al self-service, noi ragazze avevamo adocchiato un tipo veramente notevole: alto, biondo, occhi azzurri, abbronzato, insomma, sembrava finto tanto era bello. Allora B, con la sua solita faccia tosta, gli si avvicinò con noncuranza e provò una frase banale in inglese - lui pensava sempre a tutto e a tutti.

Lo sventurato rispose.

Per farla breve H, il fenomeno, era tedesco bavarese e insieme a ML, altro bel fustacchione teutonico, si proponeva di affrontare un giro simile al nostro. Da quel momento la carovana si allungò di una macchina e non erano gli ultimi che B avrebbe rimorchiato: ad un certo punto ci siamo trovati ad essere in sei mezzi e diciassette persone.

Ma eravamo a Tunisi appena scesi dal traghetto.

 

la fiat 500 del sahara

 

Prima tappa: Monastir, accampamento notturno sul mare, bagno a mezzanotte e il giorno dopo visita al paese, che era proprio come uno si poteva immaginare: i venditori di granaglie con le grandi ceste esposte davanti alla bottega, le case imbiancate di calce, le donne quasi tutte velate, con una specie di mantello bianco che fasciava la testa come un foulard e veniva tenuto chiuso davanti al viso con la mano. Nell'insieme pero' piuttosto turistico.

Ci spostammo quasi subito per Gabes, sempre sul mare, e ci sistemammo sulla spiaggia, ben lontano dal centro abitato, creando un campo fortificato come quelli dei pionieri del Far West con tutte le macchine in cerchio attorno ai tavolini. A questo punto nel gruppo si registrava il massimo delle presenze, essendosi aggiunta una coppia di Genova e uno strano terzetto tedesco amburghese: la bella U con i suoi due fidanzati.

Dopo il breefing, in inglese maccheronico of course (nel senso di di corsa ;), decidemmo di fermarci alcuni giorni per acclimatarci e prepararci ai trasferimenti piu' duri che sarebbero seguiti.

Una mattina - era forse l'alba - strani rumori, scalpicci e versi inquietanti attraversarono il sottile tessuto della tenda. In quel momento tutta la letteratura avventurosa sui predoni del deserto che sgozzavano gli uomini e violentavano le donne o viceversa, a seconda dei gusti, si insinuò come una gelida mano dentro i nostri sacchi a pelo. E' vero che l'unione fa la forza, ma quando M mise la testa fuori per capire di cosa si trattasse, un po' turbati lo eravamo...

(continua)

(Lo so, ho usato un mezzuccio da telenovela d'appendice: restate connessi e saprete tutto!)

 


 

Storico dei commenti importati dal post: Capitolo secondo: Più gente entra più bestie si vedono

Anonimo il 24/11/06 alle 10:52 via WEB
Buongiornooo, sono venuto a portare il saluto del CAMMELLO, (lui da quando ha visto la foto nel suo profilo non parla piu', ed e' scappato di corsa dal maniscalco a rifarsi gli zoccoli).. Kolben da parte del Cammello

LaDonnaCamel il 24/11/06 alle 11:17 via WEB
Ma benvenuto, tu e tutti i cammelli tuoi: gemelliamoci subito!

kolben60 il 24/11/06 alle 11:43 via WEB
gemellata.. ma ho un grande problemaaaaaaaaaaa.. Il CAMMELLO e' in fermento.... 3 gobbe

LaDonnaCamel il 24/11/06 alle 14:21 via WEB
Ma anche io ho tre gobbe, che combinazione! due davanti e una doppiagobba di dietro ;)

 

Capitolo terzo: Io e lui

Capitolo terzo: Io e lui

Insomma, ottantotto cammelli con tre o quattro pastori avevano deciso che, tra la decina di chilometri di spiaggia libera di Gabes, quello era il posto giusto per stabilire il loro accampamento.

I, che come il fratello si rivelò presto assai portata per i rapporti umani, fece subito amicizia con i cammellieri. Io con i cammelli, che per essere precisi erano dromedari, con una sola gobba, ma pareva che per loro non facesse differenza dato che in quel francese maccheronico con cui cercavamo di comunicare, la parola che li definiva era la stessa: camel, con l'accento sulla el.

I nostri vicini ci offrirono un assaggio di latte di dromedaria e noi, molto cordialmente, per non offenderli accettammo, cercando di non farci notare mentre lo sputavamo disgustati.

A quel punto diventava difficile camminare nei dintorni del campo: non eravamo riusciti a metterci d'accordo con i graziosi riminanti sul luogo dove era meglio collocare la toilette e quelli cagavano per ogni dove.
Ci rendemmo conto che era arrivato il momento di togliere le tende.

 

cammellieri e cammelli sahara

 

E poi, eravamo tutti impazienti di assaggiare il deserto.

Leggo sull'album: 27 luglio, traversata del lago salato Chott el Djerid.

L'effetto era abbastanza spettacolare: una strada, ma che dico, poco piu' che un sentiero sterrato tagliava in due una distesa bianchissima, sembrava neve. Però la temperatura esterna era 50° centigradi all'ombra. La nostra, visto che tutt'intorno era piatto come il mare.

Il caldo era una presenza tangibile, oserei dire corporea. Non si poteva toccare la carrozzeria della macchina, nemmeno all'interno, senza il rischio di ustionarsi. Bisognava tenere i finestrini chiusi perché altrimenti entrava nell'abitacolo una ventata bollente, come quando si apre lo sportello di un forno per controllare la cottura della torta. Ma era così secco, che non ci sembrava neanche di sudare. Era come se avessimo un febbrone, ma senza aspirine a disposizione. La sensazione non era neanche troppo spiacevole salvo che non ci rendevamo conto di quanto stessimo bevendo: otto, dieci litri a testa al giorno. La sete non si riusciva a placare e l'acqua calda che ingurgitavamo non alleviava l'arsura. Di mangiare poi non se ne parlava neanche: sforzandoci al massimo riuscivamo a mandar giù mezza lattina di Simmentall, giusto perche' era stata in frigo, e invece che a 50 gradi era forse a trentacinque.

In queste condizioni affrontammo la frontiera tra Tunisia e Algeria. Non so se é ancora così, ma a quel tempo la mole di questionari da compilare era equivalente alle schede del censimento. Da sottolineare la cortese disponibilità dei funzionari in quell'avamposto dell'inferno: era periodo di Ramadam e come si sa non potevano ne' mangiare ne' bere dall'alba al tramonto, circostanza che li rendeva se possibile ancora più espansivi.… fatto sta che per ogni virgola mancante ci rimandavano indietro con una eloquente alzata di sopracciglio. C'eravamo solo noi, alla dogana, ed impiegammo tre ore per sbrigare quelle semplici pratiche.

Come Allah volle arrivammo all'Oasi di Ghardaia.

(continua)

sahara cammelli cammellini cammellieri

Storico dei commenti importati dal post: Capitolo terzo: Io e lui


bluewillow il 27/11/06 alle 11:26 via WEB
wow sei una esploratrice del deserto! 50 gradi in macchina non riesco nemmeno ad immaginarli! Tornerò a leggere il testo :) Ciao!

L.indifferente il 27/11/06 alle 11:32 via WEB
sono passato al momento giusto..
ero decisamente curioso di conoscere l'origine di quel frastuono...

LaDonnaCamel il 27/11/06 alle 17:13 via WEB
Questo è niente, credimi!
Le mirabolanti avventure della Donna Camèl sono appena cominciate!

kolben60 il 28/11/06 alle 19:14 via WEB
Buonasera....CAMMELLA
cammellino sahara

 

Capitolo quarto: Quando il gioco si fa duro

Capitolo quarto: Quando il gioco si fa duro

Si sa che il deserto reclama il suo tributo, e quando il gioco si fa duro… dopo una estenuante discussione seguita a due giornate particolarmente pesanti, il gruppo tristemente prese atto dell'entità dell'impresa che ci stavamo accingendo a compiere e tutti quelli che non si erano adeguatamente preparati furono costretti a mollare.

Contati i superstiti, ridistribuiti gli equipaggi (eravamano rimasti solo in sei dei dieci partiti da Milano, più gli inossidabili tedeschini) puntammo ulteriormente a Sud. Tutti gli altri si dispersero nel tentativo di raggiungere la riva del mare.
Di loro non abbiamo saputo piu' nulla.

H e Ml si erano preparati bene, invece. Cibo, acqua, ricambi per l'auto, ma non solo: avevano pale, picconi e persino le piastre per la sabbia, utilissime in caso l'auto si fosse impantanata. Noi veramente non avevamo contemplato questa eventualità, visto che la strada fino a Tamanrasset avrebbe dovuto essere tutta asfaltata, ma loro, con insolita autoironia, sorridendo dicevano "Germans are always well organized!". Non male per due ragazzini di diciotto anni… anzi, H non li aveva nemmeno compiuti e non aveva la patente, sebbene desse regolarmente il cambio alla guida, almeno fuori dai centri abitati.

Troppo giovani? Anche noi lo eravamo.

oasi el goleah sahara

Il 31 luglio compivo ventiquattro anni, e li festeggiammo a El Golea, oasi lussureggiante di palme da dattero, in una specie di campeggio dove ci eravamo fermati a rifocillarci prima dell'ultimo tratto desertico che ci separava dalla nostra meta. Sarà stato il caldo, o la stanchezza, o gli scorpioni (ne avevamo trovato uno grosso come il mio dito e lungo almeno 20 cm), ma eravamo tutti un po' nervosi. Fino a quel momento B era stato leader indiscusso per acclamazione: a parte il fatto che conosceva il posto, ci sapeva fare con le persone e riusciva sempre ad essere convincente, o almeno suadente. Le sue proposte sembravano ragionevoli, come non seguirlo? Sarà stato perché era portato per i rapporti umani, o forse perché studiava da avvocato… comunque M si sentiva sempre un po' in competizione con lui e questo provocava dei mugugni inespressi che, alle condizioni estreme alle quali eravamo sottoposti, si riversavano nella nostra coppia. Così passai la sera del mio compleanno a piangere.

Non mi ricordo in particolare i motivi di dissidio, probabilmente sciocchezze esasperate dal caldo e dalla fatica. Eravamo una comitiva piuttosto eterogenea: alla partenza noi conoscevamo solo B e J, avevamo già fatto delle vacanze insieme e andavamo abbastanza d'accordo, ma comunque ognuno faceva per se'. Per esempio, i pasti venivano consumati insieme ma ognuno mangiava la sua roba: salvo qualche rara volta, non abbiamo mai cucinato per tutti.
Nei trasferimenti il posto di capofila, molto piu' impegnativo specialmente di notte, era occupato a turno da una delle auto. La strada era asfaltata, però spesso montagne di sabbia a causa del vento invadevano la carreggiata e bisognava evitarle per non restare impantanati. Mi ricordo di una sera, partiti a mezzanotte dopo aver cenato abbondantemente (e bevuto altrettanto), ero di turno alla guida e toccava a noi stare davanti. Dopo duecento metri mi trovai incastrata in una duna di sabbia enorme e ridevo come un'oca senza riuscire a scendere dalla macchina. (M aveva appena finito di dirmi di stare attenta…) Hanno sollevato di peso la cinquecento con me dentro, con grande imbarazzo di M.

A lui seccava se io davo ragione a B o se per caso restavamo indietro e dovevamo essere aspettati o se non riuscivamo a rapportarci in modo perfetto al gruppo. Si può capire: non voleva mettersi in condizione di essere criticato e non voleva essere da meno. La competizione esisteva, non posso negarlo, ma io la vedevo in modo diverso, cercavo di sottolineare la collaborazione e l'amicizia, mi intenerivo all'idea che ognuno di noi avrebbe fatto qualsiasi cosa per salvare gli altri da una situazione pericolosa. Anche tra le ragazze c'era una certa rivalità, ma molto piu' subdola e io non me ne rendevo conto. A volte ci rimanevo male per certi apprezzamenti un po' caricati che si facevano tra loro e che mi facevano sentire sminuita, anche se non capivo perché. Ci sono voluti anni e anni prima che mettessi su una crosta adeguata, ma questa e' tutta un'altra storia.
(continua)

Storico dei commenti importati dal post: Capitolo quarto: Quando il gioco si fa duro


L.indifferente il 29/11/06 alle 10:31 via WEB
avete attraversato il deserto con una cinquecento?

LaDonnaCamel il 29/11/06 alle 10:43 via WEB
eh si': nel primo capitolo si vede anche la foto, a malapena e in controluce ma se lo sai la riconosci

Anonimo il 29/11/06 alle 21:35 via WEB
Cammella , Lei scrive sabbiosamente bene, ma mi dica.. su quella oasi sperduta nel deserto...... che cosa faceva dietro alla palma n°8 con i pantaloni abbassati??? KOLBEN

LaDonnaCamel il 29/11/06 alle 22:09 via WEB
Esimio Professor Kolben, lei mi si confonde: la scena della scagazzata dei cammelli era descritta nel capitolo 3, qui ci si invola verso le vette della senzibbilità ferita, amore, amicizia e altri glitter sberluccicanti :-)

Anonimo il 29/11/06 alle 22:29 via WEB
Insomma .. ma nel racconto desertuale... quando si tromba??????

LaDonnaCamel il 29/11/06 alle 22:46 via WEB
me lo domando anch'io: quando si tromba, infine? :-)

Anonimo il 29/11/06 alle 23:04 via WEB
mi porti a fare un giretto con il tuo pedalo' volante?

LaDonnaCamel il 29/11/06 alle 23:05 via WEB
Non posso: il mio ex ci si è spetasciato e me l'ha rotto tutto

kolben60 il 29/11/06 alle 23:10 via WEB
e lui????

kolben60 il 29/11/06 alle 23:12 via WEB
Signorina Donna Camel, ha un messaggio in pvt.. desidererei che almeno una scammellata ce la facesse

LaDonnaCamel il 29/11/06 alle 23:13 via WEB
Lui si è solo rotto qualche osso, l'ho rimesso insieme con un po' di cerotti: come nuovo

Anonimo il 29/11/06 alle 23:20 via WEB
allora lo potrebbe ancora usare....

LaDonnaCamel il 29/11/06 alle 23:22 via WEB
se non fosse un ex...

kolben60 il 29/11/06 alle 23:26 via WEB
ex? ex? mi sfugge

kolben60 il 29/11/06 alle 23:26 via WEB
Buonanotte Cammella.. sogni poco?????

LaDonnaCamel il 29/11/06 alle 23:28 via WEB
Buona notte a Lei professore, e sogni ottimi e abbondanti

 

Capitolo quinto: che caldo!

Capitolo quinto: che caldo!

Arrivò il momento dell'ultimo balzo: fin qui ragazzi abbiamo scherzato, nelle oasi non si stava poi tanto male e con quel secco 40° erano sopportabilissimi. Da El Golea a Tamanrasset ci sono più di 1700 km e una sola città intermedia, si chiama Ain Salah e è la città più calda del mondo. Decidemmo quindi di fermarci il meno possibile per arrivare al piu' presto sull'altipiano dell'Hoggar, 1000 metri sul livello del mare, dove le temperature si presupponevano meno proibitive.

Nel frattempo avevamo scoperto qualche trucchetto, che ci permetteva di sopravvivere durante questi lunghi trasferimenti. Ben presto abbiamo smesso di andare in giro seminudi, a parte l'impatto psicologico con la cultura locale che all'inizio avevamo sottovaluto, coprirsi ci riparava dal caldo. Per evitare di bere in continuazione ci bagnavamo i vestiti. Mentre uno guidava, l'altro gli rovesciava in testa un paio di bicchieri d'acqua. Bisognava stare attenti perche' a temperatura ambiente scottava, così la facevamo scendere piano piano e per qualche minuto eravamo a posto. I capelli e la camicia si asciugavano in dieci minuti, i jeans duravano anche un quarto d'ora, poi si ricominciava.

Un altro vantaggio dell'acqua calda a volontà era che si poteva fare il caffè mentre si andava: con il nescafè e due cucchiaini di zucchero ci tenevamo su senza doverci fermare troppo spesso. Del resto la velocità di crociera era piuttosto bassa, circa 60 km/ora: la strada era brutta, le invasioni di sabbia frequenti e col sovraccarico che avevamo bisognava evitare di far surriscaldare i motori.

Solo al ritorno abbiamo pensato di rinfrescare l'acqua da bere con l'effetto "ghirba". Infilavamo la bottiglia in una calza che tenevamo costantemente bagnata: l'intensa evaporazione raffreddava l'acqua rapidamente e la soluzione era più efficace del frigo, che a batteria o a gas non rendeva molto e poi era così piccolo che ci stavano giusto due lattine e quattro scatolette di carne.

la pista sahara

Ain Salah era calda come previsto e il termometro arrivò a segnare 63°, questo perché è nel centro di una conca desertica che come il fuoco di un paraboloide attira i raggi del sole senza poterli dissipare in nessun modo. Ci fermammo a dormire alcune ore, non si riusciva nemmeno a stare nella tenda, così ci sdraiammo sul tetto della macchina, direttamente sotto le stelle. E' vero, come dicono, che l'escursione termica tra il giorno e la notte è notevole, però quindici o venti gradi in meno ti portano a 45°, anche se si sta un po' meglio non si dorme mica tanto bene e di certo non si soffre il freddo.

Dopo un'altra giornata di marcia arrivammo alle porte di Tamanrasset che era già buio. Ancora capofila noi, ci trovammo improvvisamente davanti una serie di barili che sbarravano la strada con sopra delle fiaccole accese e si sentiva in lontananza uno strano rullare ritmico, come se fusti di metallo fossero percossi con un bastone.

Porco giuda, i predoni del deserto.


Storico dei commenti importati dal post: Capitolo quinto: che caldo!

bluewillow il 04/12/06 alle 13:54 via WEB
Ciao buon inizio settimana :)

LaDonnaCamel il 04/12/06 alle 14:52 via WEB
Altrettantemente a te e a tutti quanti i miei piccoli lettori :)

Anonimo il 04/12/06 alle 16:28 via WEB
Anche a quelli un po' forti di fianchi? :) (M_S)

LaDonnaCamel il 04/12/06 alle 16:50 via WEB
non ho mica scritto stretti! :)

Cinderella017 il 04/12/06 alle 17:27 via WEB
congratulazioni ..ma poi ci deve dire se veramente vale quella cifra ; )) http://blog.libero.it/casualblog/commenti.php?id=62747&msgid=1985170&nocache=1165249560

LaDonnaCamel il 04/12/06 alle 19:16 via WEB
speriamo che abbia ... ehm, volevo dire sia un buon affare ;)

Capitolo sesto: Tamanrasset

Capitolo sesto: Tamanrasset

Ho iniziato a tremare e a battere i denti. Non avevamo il coraggio di scendere dalla macchina. Dietro di noi i due tedeschi che ci seguivano a ruota e di B neanche l'ombra. Ml si avvicinò e ci bussò nel finestrino. Per ora non si vedeva in giro nessun altro e ci decidemmo a scendere anche noi, con grande circospezione. Il suono cupo dei tamburi sembrava avvicinarsi sinistro. Stavo per avere una crisi di nervi quando vidi H ritornare a piedi dalla strada interrotta e sembrava sano e salvo. Di predoni per ora non ce n'erano così gli andammo incontro ansiosi.

Be', era successo che il giorno prima aveva piovuto e la strada, due centimetri di asfalto appoggiati direttamente sopra la sabbia, era crollata per un bel tratto, circa cento metri, formando un improvviso strapiombo profondo un paio di metri. Per questo qualcuno aveva improvvisato quella barricata: per evitare che le macchine ci finissero dentro.

strada franata sahara

Cinque minuti dopo arrivarono anche gli altri e incominciò a piovere. Ragazzi, nessuno ci voleva credere: eravamo nel deserto del Sahara in agosto e pioveva. Ci spostammo dal centro della strada e organizzammo un campo per la notte. Poco più in là c'era un accampamento di Tuareg, gli uomini blu, e così scoprimmo anche l'origine di quei colpi di tamburo che tanto avevano fatto per terrorizzarmi. Faceva quasi fresco, eravamo già sull'altopiano e questa sosta imprevista ci rese tutti euforici. La mattina dopo ci spostammo sulla pista che fino all'anno prima era l'unica via di comunicazione per Tamanrasset e con estrema cautela attraversammo la valletta che si era creata con la piena. Alle dieci di mattina del 2 agosto incontrammo il cartello: eravamo arrivati.

Il paese ricordava quei vecchi film della legione straniera: poche case, strade sabbiose, c'era anche un supermercato, ma faceva una tristezza, con quei i banconi vuoti e la polvere che ricopriva tutto, ci mancavano solo i soldati in divisa caki con il berretto circondato dal velo tipo Laurence d'Arabia.

C'era una specie di villaggio turistico con bungalow fatti di cannette, ne affittammo due e ci trasportammo tutte le nostre masserizie. Ci saremmo fermati qualche giorno, c'erano parecchie escursioni da fare nei dintorni e era meglio alleggerire le macchine da tutto il peso non strettamente indispensabile.

Ogni giorno venivano da noi frotte di ragazzotti chiedendo se avessimo qualcosa da vendere. In quel posto dimenticato da Dio avevano fame di qualsiasi cosa che ricordasse lontanamente la civiltà: jeans, o abiti, occhiali, qualunque cosa. C'era chi si era pagato il viaggio con quella mercanzia. Noi avevamo portato lo stretto indispensabile quindi di affari non ne abbiamo fatti molti: tuttalpiù scambi con rose del deserto o fossili. Facevamo a gara a chi si accaparrava i pezzi migliori: una volta avevamo dato appuntamento a dei ragazzini che ci dovevano portare dei fossili e appena li abbiamo visti arrivare gli siamo corsi incontro con tale foga, per essere i primi a scegliere, che questi si sono spaventati e sono scappati. Questa era l'innocente competizione che aleggiava costantemente tra di noi, oggi mi fa sorridere al pensiero, ma allora la prendevamo seriamente, come ogni bambino deve giustamente fare con un gioco.

B riusciva sempre a fare amicizia e trovava qualcuno che ci guidava dove c'erano le rose del deserto o i fossili che cercavamo con grande energia, perché era una vera e propria gara. Anche se al ritorno ne ho regalati molti, ho ancora qualche decina di chili di quei reperti a testimoniare il mio impegno...

Ma la gita più ostica, circa 60 km di fuoristrada, era quella per l'eremo di Padre Foucolt, nel cuore del cuore del deserto: sul massiccio dell'Asekrem.


Storico dei commenti importati dal post: Capitolo sesto: Tamanrasset

bluewillow il 09/12/06 alle 10:19 via WEB
ciao buon week-end :)

 

Capitolo settimo: il deserto vero

Capitolo settimo: il deserto vero

Sbarcammo tutto quello che non era indispensabile e ci incamminammo di buon ora sulla pista sassosa. Dopo una ventina di chilometri di tolondulè, un effetto creato dal passaggio dei camion che rendeva il fondo stradale come cartone ondulato, ma durissimo, si cominciò a salire. L'espressione "andare a passo d'uomo" acquistava un significato letterale: ogni pochi metri bisognava scendere per controllare il percorso migliore, i sassi e macigni che costituivano la strada erano sempre più grandi: a un certo punto abbiamo anche bucato una gomma.

Comunque arrivammo ai piedi del picco dove si abbarbicava l'eremo e parcheggiate le auto salimmo a piedi l'ultimo tratto. La visuale da lassù era mozzafiato (non solo per la salita…).

Chilometri e chilometri di deserto si allargavano sotto di noi: non un albero, nemmeno un arbusto, non una casa o un manufatto. Niente. Tutt'intorno solo sassi e sabbia fino all'infinito. Ho provato molte volte a trovarmi in mezzo al mare su una piccola barca, senza vedere una terra all'orizzonte, ma la sensazione di vuoto, di nulla che scaturiva da quello spettacolo non è paragonabile a nient'altro. Forse l'oceano, non so. Eravamo tutti ammutoliti, schiacciati da quell'enormità.

 

sahara hassekrem

 

Vergognandoci un po' per quell'attimo di smarrimento entrammo nel cortile, ma chissà perché continuavamo a parlare a bassa voce. Data l'altitudine la temperatura era piacevole e il frate che custodiva l'eremo gentilissimo. Firmammo il libro degli ospiti, accettammo un the alla menta e conversammo in francese maccheronico (l nostro) con l'eremita, che aveva con se' solo un giovane tuaregh, avvolto nel tradizionale turbante blu chiaro che lasciava scoperti solo gli occhi lucenti e una mascherina di pelle nerissima, come una specie di Zorro al contrario.

Il tempo a nostra disposizione non era molto, sarebbe stato imprudente attaccare la pista con il buio e ci mettemmo ben presto sulla via del ritorno al campo.

Era appena finita la discesa quando bucammo di nuovo. Per alleggerire la macchina avevamo lasciato al villaggio le altre due gomme di scorta e per imperdonabile sbadataggine avevamo dimenticato le toppe per riparare i copertoni e la pompa.

Ci eravamo cacciati proprio in una bella situazione: avevamo ancora poche ore di luce, non sarebbero state sufficienti a B per arrivare al villaggio, prendere l'occorrente e tornare indietro prima di buio. Affrontare la pista di notte era fuori discussione: si faceva già fatica cosi a capire la direzione da seguire. E non c'era nemmeno molto tempo per decidere che fare. Ogni rivalità, competizione, dissidio erano spariti. La decisione giusta, se pure dolorosa, era una sola: io e M saremmo rimasti a passare la notte lì e gli altri sarebbero ritornati al villaggio. La mattina dopo ci avrebbero portato le ruote di scorta. Io ero abbastanza serena: avevamo la nostra tenda, cibo e acqua per due giorni, ero preparata ad aspettare pazientemente. Ma capisco perché J avesse le lacrime agli occhi quando mi ha abbracciata, prima di risalire sul furgone. Del resto era perfettamente inutile che si fermassero anche loro e noi non volevamo abbandonare l'auto.

Li guardammo partire e quando erano spariti all'orizzonte per consolarci aprimmo una cocacola e brindammo alla nostra prima notte soli nel deserto vero.

(continua)

Storico dei commenti importati dal post: Capitolo settimo: il deserto vero


Anonimo il 11/12/06 alle 21:53 via WEB
NATURALMENTE... grande trombata.. desertica... Ora capisco perche' i CAMMELLI pensano solo a quello... VI HANNO VISTOOOOOOOOOO. Kolben

LaDonnaCamel il 11/12/06 alle 22:43 via WEB
a meno che... a meno che non si prepari un grandioso colpo di scena :)
lo scoprirete alla prossima puntata :D

Midnight_Shadow il 12/12/06 alle 21:35 via WEB
Ma sì, te lo dico davanti a tutti che sto lì dietro a seguire le vostre impronte :)

Midnight_Shadow il 12/12/06 alle 21:52 via WEB
Un po' tipo Gollum dietro la compagnia dell'anello

LaDonnaCamel il 12/12/06 alle 22:20 via WEB
che tessssoro che sei :)

bluewillow il 13/12/06 alle 11:22 via WEB
ciao buona giornata :)))

redelconsumismo il 13/12/06 alle 18:43 via WEB
ciao! ..Buona serata!! :-))

kolben60 il 14/12/06 alle 09:17 via WEB
CAmmella, come stai???..tutto bene.. sono impaziente del seguito.... SE TROMBA????

LaDonnaCamel il 14/12/06 alle 14:26 via WEB
eh, anche le cammelle ogni tanto fanno finta di lavorare;)
stasera metto il capitolo otto: ormai ci siamo quasi :D

 

Capitolo ottavo: Incontri fortunati

Capitolo ottavo: Incontri fortunati

Dopo una mezz'ora vedemmo avvicinarsi una nuvola di polvere. Era una jeep con una guida francese e quattro signore. Si fermò vicino a noi: stavano andando a passare la notte all'eremo ma avevano tutto il tempo per aiutarci a riparare la gomma. Non avevamo dovuto nemmeno chiedere aiuto perché B, che li aveva incontrati poco prima sulla pista, aveva già spiegato la situazione: il passaggio di veicoli da quelle parti era così poco frequente che quando si incontrava qualcuno di solito ci si fermava a dire due parole.
Dividemmo con piacere le ultime lattine fresche con i benvenuti salvatori e scambiammo i soliti convenevoli con le ragazze mentre il francese faceva tutto il lavoro.

Insomma, la nostra nottatina romantica fu rimandata ad altra occasione e non era del tutto buio quando entrammo a Tamanraset, festeggiati dai nostri come eroi.

 

sahara hassekrem picco

Ci fermammo ancora qualche giorno prima di deciderci a tornare indietro. Oramai avevamo capito come affrontare le asperità della natura, anche se per me rimaneva misteriosa l'essenza della cultura araba, il loro modo di fare. Si presentavano a noi con quella specie di francese, tenendo le braccia lungo i fianchi, muovendo il minimo possibile perfino i muscoli facciali. Sembrava che niente li potesse turbare. Lasciavano che le mosche li ricoprissero senza un gesto di impazienza, chiudendo appena le palpebre se entravano negli occhi. Era come se anche il tempo prendesse la stessa misura dello spazio immenso che li circondava. Per qualsiasi interazione che ci portasse in contatto con loro, come per esempio pagare il conto del villaggio, bisognava armarsi di una pazienza infinita, adeguarsi ai loro ritmi, aspettare la loro lentezza, le lunghe pause, i gesti misurati, direi quasi risparmiati.

Le donne non si vedevano e quelle poche erano velate. Unica eccezione, le Tuaregh, molto scure di pelle, alte e belle, portavano gioielli d'oro alle braccia e alle caviglie. Ma le abbiamo incontrate solo una volta e fuori dal centro abitato.

(continua)


 

Storico dei commenti importati dal post: Capitolo ottavo: Incontri fortunati


Anonimo il 14/12/06 alle 21:54 via WEB
i francesi hanno rovinato sempre tutto..... mi dispiace......Kolben

LaDonnaCamel il 14/12/06 alle 22:10 via WEB
eh, hai ragione: ci sono cose che ti capitano una sola volta nella vita e poi mai più, come per esempio l'occasione di trombare nel deserto... a casa non è la stessa cosa, ne convengo ;)

EMACLOMA il 15/12/06 alle 06:52 via WEB
EMACLOMA tornerà per osservare con piacere.Non esiste un blog che non susciti il mio interesse.

corpoceleste1 il 16/12/06 alle 12:48 via WEB
Ciao, ti aggiungo al mio blog amici, ok un bacio cara.

 

Capitolo nono: Si torna a casa

Capitolo nono: Si torna a casa

Ed eccoci sulla via del ritorno: passati senza problemi i 1700 chilometri di deserto ci fermammo ancora all'oasi di Ghardaia dove, sempre per merito degli intrallazzi di B fummo invitati tutti quanti nella casa di una famiglia. Erano benestanti, si poteva capire dalla televisione accesa, appoggiata sull'unico mobile dell'appartamento. Per il resto c'erano solo tappeti, anzi stuoie, con sopra dei materassi. Nel cortile interno era montato un telaio a mano dove la giovane moglie annodava tappeti. Il nostro ospite aveva un furgone con cui trasportava la sabbia del deserto nei cantieri e questo gli consentiva un buon tenore di vita, salvo il problema di reperire i pezzi di ricambio per il camion che da quelle parti erano merce rarissima. La moglie si mostrò a noi senza il velo di solito obbligatorio per uscire di casa. Noi europee spesso venivamo additate e a volte insultate per esserne sprovviste. E pensare che i primi giorni andavamo in giro in calzoncini corti o addirittura in costume. Persino dentro il villaggio turistico di Tamanrasset il due-pezzi era disdicevole e l'anziano gestore pregò M di far coprire la sua donna perché la vista di tanta nudità lo metteva di per sé in peccato mortale. Rivolgersi direttamente a me? Neanche parlarne…

Mangiammo il cus-cus fatto in casa tutti seduti per terra sulle stuoie. Il cibo era servito in grandi catini di smalto dai quali attingevano con le mani vari commensali. Ognuno scavava un buchetto nel cus-cus dalla sua parte e ci appoggiava dentro dei pezzi di carne di pecora o capra dal sapore molto forte che erano serviti a parte. Se non altro non c'erano i piatti da lavare, alla fine!

E poi c'era la cerimonia del the alla menta. Fortissimo, verde scuro e molto dolce, veniva servito dentro bicchierini come quelli da liquore. Non sapeva proprio di the ma era abbastanza buono.

Avevamo intenzione di finire la vacanza sul mare come da promessa e questo ci porto' su un percorso leggermente diverso per consentirci di fare una breve tappa ad Algeri.

Prendemmo delle camere in un albergo ma passammo quasi tutta la notte a far la guardia alle macchine, dato che i ladri erano assai rinomati. Infatti nei brevi attimi in cui ci siamo riuniti per decidere il da farsi hanno rubato qualcosa dall'auto di certi francesi appena conosciuti.

Poi al mare ci siamo andati davvero, in un bel campeggio a Tabarca, in Tunisia. E su quella settimana si potrebbe scrivere un'altra storia.

 

FINE

 

Che fine hanno fatto tutti quanti?

Io e M ci siamo sposati l'anno successivo. Ma dopo mezza vita e un paio di figli ci siamo separati.
B e J, che erano già sposati alla partenza, si sono separati dopo un po' di anni e ora sono entrambi risposati con altre persone.
La sorellina di J si è sposata pure lei con qualcuno che non aveva partecipato alla spedizione: mi risulta che siano ancora insieme, sarà un caso?
I due giovanotti tedeschi sono venuti qualche volta a trovarci dalla Baviera, ma ormai sono passati molti anni.
Di tutti gli altri non si hanno più notizie.


 

Storico dei commenti importati dal post: Capitolo nono: Si torna a casa


Anonimo il 22/11/07 alle 23:46 via WEB
Beata che che hai passato mezza vita con M, mi piacerebbe anche a me passare mezza vita con qualcuno ma tra i tanti non se ne salva uno al giorno d\\\'oggi visto che oggi al primo posto mettono i loro interessi, il benessere economico che proviene soprattutto da noi femminucce, e in primis ancora il sesso. ciao da stellina

LaDonnaCamel il 23/11/07 alle 14:12 via WEB
Nessuno è perfetto!
E grazie per la lettura, un abbraccio

sahara la donna e il camel

 

e-max.it: your social media marketing partner
Condividi questa pagina!

Compra il romanzo L'occhio del coniglio
Libro, mobi, epub compra su Amazon e su Lulù

Chi mi ama mi segua

Il sistema di gestione dei contenuti Joomla e il software di conteggio accessi installato in questo sito utilizzano i cookies per migliorare le funzioni di navigazone. Cliccando sul bottone arancione avrai fornito il tuo consenso e questo avviso non verrà più mostrato. Se non accetti l'uso dei cookies abbandona questo sito web.