Una guida tratta dal mio corso di scrittura professionale che spiega in modo semplice e chiaro come scrivere i contenuti per il tuo sito web. Nessuno come te conosce l'oggetto del tuo lavoro, con un po' di pratica e seguendo questa guida potrai esprimerti nel modo migliore per raggiungere i tuoi potenziali lettori. Se vuoi sapere come scrivere un libro o una relazione o un breve saggio puoi partire da qui.

Abstract: Chi vuole imparare a scrivere per il web troverà in questo articolo più domande che risposte preconfezionate: infatti mi propongo di portare il lettore a capire cosa sia meglio scrivere prima ancora di interrogarsi su come scrivere.  Vedremo quindi come organizzare i testi per un sito web efficace e professionale che sappia comunicare in modo corretto con i propri destinatari, le tecniche della scrittura professionale con cenni al seo copywriting e i segreti per scrivere contenuti per il web interessandi ed efficaci.

scrivere per il web contenuti interessanti I visitatori del tuo sito sono persone e non segmenti di mercato (*) (foto Bianca Maria Carchidio)

Chi vorresti che fosse interessato a leggere i contenuti del tuo sito e perché?

Analizzare il destinatario della comunicazione è il primo passo per avere la certezza di farci capire proprio da quelli che desideriamo raggiungere con i nostri contenuti e che speriamo trovino interessante la nostra offerta.
Dobbiamo tenere a mente in ogni momento che vogliamo avere a che fare con persone in carne e ossa e non target generici: chi sono queste persone? Potenziali clienti o fruitori dei nostri servizi? Soci di una organizzazione? Si tratta di responsabili degli acquisti di qualche azienda oppure di liberi professionisti, insegnanti, lavoratori in proprio, artigiani, pensionati? A che tipo settore merceologico appartengono? Sono invece privati che potrebbero essere interessati a livello personale? Che tipo di cultura hanno? Quale è il vocabolario specifico dell'ambiente che frequentano?
Potrebbero ovviamente appartenere a una miscela di tutte queste attività, ma più riusciamo a essere precisi nel  definire l'identikit del nostro lettore modello, più sarà facile farlo sentire a casa nel nostro sito, conquistare la sua fiducia e di conseguenza portarlo verso l'azione specifica che desideriamo compia sul nostro sito: potrebbe essere una richiesta di maggiorni informazioni o addirittura di un appuntamento, la compilazione di un modulo, la registrazione al sito o addirittura l'ordine di un prodotto, magari l'iscrizione al mio corso di scrittura.
Dobbiamo chiederci quindi da dove è arrivato e cosa sta cercando qui, in modo da fargli trovare proprio quello che voleva, tenerlo su nostro sito per portarlo alla pagina che infine contiene l'invito all'azione.

ci rivolgiamo a persone e non a segmenti di mercatoLe comunità umane sono basate sulla comunicazione, su discorsi umani e su problemi umani. (*) (foto Bianca Maria Carchidio)

Empatia: ci rivolgiamo a persone e non a segmenti di mercato

Una volta identificato il destinatario prova a ragionare come lui: Se tu fossi il tuo cliente, cosa vorresti sapere?
Spesso chi non ha molta esperienza nella scrittura per internet dedica molto spazio alla pagina chi siamo, ma pensandoci bene non è questo il punto fondamentale, infatti le persone che visitano il nostro sito sono probabilmente più interessate a quello che abbiamo da offrire piuttosto che alla storia autocelebrativa della nostra impresa.

Dunque cerca di immedesimarti nel tuo potenziale visitatore e offrigli le informazioni più importanti sulla tua attività: è più facile di quanto sembri, basta infatti riportare le risposte alle domande che ti vengono poste di solito da chi ti chiede una prestazione di lavoro o un preventivo:  che differenza c'è tra le varie tipologie di prodotti o servizi che offri, come funziona, quanto tempo ci vuole per avere i prodotti o i servizi, quanto costa, dove ti si può trovare, a che ora, che altro? Lo sconto, la forma di pagamento, i costi del trasporto, le condizioni di vendita.

Prendi un blocchetto di post-it e scrivi una risposta per ogni foglietto: puoi creare un albero appiccicandoli su un piano di lavoro in base all'importanza dei vari argomenti e spostare le voci man mano che te ne vengono in mente di nuove.
In questo modo puoi progettare la struttura del tuo futuro sito mettendo in risalto gli aspetti più interessanti della tua offerta: non limitarti al solito schemino chi siamo - prodotti - dove siamo!

La sostanza

Ora che hai impostato la struttura con cui presenterai le tue informazioni, puoi metterti a scrivere i veri e propri testi per il sito web. Tieni conto che le informazioni più importanti si possono ripetere più volte, ma non solo: le informazioni più importanti si possono dire con parole diverse e in modi diversi: le informazioni più importanti vanno scritte nel testo e anche nelle immagini.

Ti chiedo di ripetere più volte certi concetti perché scrivere su internet non è come scrivere un libro o un fascicolo che viene sfogliato in modo sequenziale: chi consulta un sito salta da una pagina all'altra e ogni visita può avere un percorso diverso: sarà tua cura fare in modo che le parti essenziali non passino inosservate:

1 - fornendo una segnaletica che inviti a raggiungere le pagine cruciali
2 - inserendo le informazioni cruciali dove non mancheranno di essere viste (per esempio indirizzo e numero di telefono in tutte le pagine del sito)

Non aver paura di usare più volte certi termini: la ripetizione è il fiore più odoroso della retorica, meglio ripetere una parola specifica che usare un sinonimo improprio

scrivere un testo interessante che tenga le persone incollate allo schermiInternet permette delle conversazioni tra esseri umani che erano semplicemente impossibili nell’era dei mass media. (*) (foto Bianca Maria Carchidio)

Scrivere per il web: i miei consigli per la scrittura di un testo vincente

  • Vai subito al sodo: evita preamboli verbosi, stereotipi di cortesia, noiosi giri di frase oppure taglia il superfluo in fase di rilettura, cerca di essere sempre preciso e conciso.
  • Usa la forma attiva che è più diretta e lineare, meglio i tempi semplici che composti, spezza le frasi troppo lunghe
  • Usa la forma affermativa e non quella negativa, a meno che non sia indispensabile evita come la peste le doppie negazioni per affermare
  • Usa aggettivi e avverbi con moderazione perché indeboliscono i concetti: le parole più significative sono i verbi
  • Alterna frasi brevi a periodi più lunghi per dare un ritmo che non sia noioso
  • Usa le parole più semplici adatte alla scopo

Non è carta,  è web!

Ricordati sempre che la lettura a schermo è faticosa e potrebbe essere uno smartphone: dovrai tenerne conto organizzando il materiale: non è come scrivere un libro!

  • Prima di cominciare, dedica del tempo a identificare una decina di parole chiave specifiche del tuo settore: si tratta di gruppi di due o tre parole che vengono utilizzati dagli addetti ai lavori o dai clienti per definire i prodotti o i servizi offerti
  • Fai in modo che queste parole siano presenti nei tuoi testi, nei titoli e nelle didascalire delle immagini, ma ricorda che niente è ovvio per chi non ti conosce, quindi insieme al gergo tecnico usa anche i termini dei profani e rendi espliciti i concetti risaputi
  • Niente è ovvio per chi non conosce i tuoi prodotti, il tuo settore merceologico, la tua attività: prevedi sezioni di glossario e spiegazioni, ti aiuteranno a definire meglio l'ambito della attività e saranno preziosi per posizionare il tuo sito nella giusta categoria merceologia, aiutando la SEO (posizionamento sui motori di ricerca).
  • Per migliorare la leggibilità a schermo, dividi i tuoi testi in paragrafi e usa i titoletti, usa gli elenchi puntati e numerati,  usa il corsivo e il grassetto, inserisci qualche immagine con didascalie che ribadiscano i contenuti della tua offerta
  • Anche la scelta dei font è importante per migliorare la leggibilità e trattenere il tuo visitateore nel sito, fino a che non avrà compiuto l'azione specifica: per questo conosglio  caratteri standard senza grazie, non troppo grandi e non troppo piccoli. Non sottolineare mai parti di testo che non siano link.

Anche l'occhio vuole la sua parte

Fai attenzione ai titoli: se sono significativi invogliano a continuare la lettura, inoltre spezzano la compattezza del testo e se formattati in modo corretto aiutano l'indicizzazione sui motori di ricerca. E non dimenticare i sottotitoli per dare più importanza alle informazioni essenziali.
Pensa che c'è chi legge solo l'abstract, approfitta di questo spazio che si colloca prima di tutto il resto per ribadire in modo sintetico i concetti veramente importanti.

Le didascalie delle foto sono più lette dei testi, non vuoi utilizzarle per ripetere quelle informazioni che è assolutamente necessario vengano recepite?
Le voci del menù sono la segnaletica che aiuta i nuovi arrivati a orientarsi tra le pagine del tuo sito: fai in modo che non si perdano il meglio.

E poi pensa anche a indici e sommari, categorie, tag, firme dei redattori: ogni particolare partecipa alla buona riusvita del tutto.

Se sei arrivato fino a qui avrai già capito che la materia è molto vasta e ci sono ancora tante cose da sapere per arrivare a scrivere bene contenuti interessanti per il tuo sito.

Intanto puoi scaricare i miei corsi on line, sono gratuiti!

Lascia la tua mail nel form qui sotto, ti terrò informato sulle date dei miei prossimi laboratori  "Come scrivere per il web" e ti avviserò quando metterò on line altro materiale gratuito da scaricare, come:


 

captcha

Powered by ChronoForms - ChronoEngine.com


 

(*) da Il Cluetrain Manifesto - traduzione di Luisa Carrada

 

 

Il sistema di gestione dei contenuti Joomla e il software di conteggio accessi installato in questo sito utilizzano i cookies per migliorare le funzioni di navigazone. Cliccando sul bottone arancione avrai fornito il tuo consenso e questo avviso non verrà più mostrato. Se non accetti l'uso dei cookies abbandona questo sito web.