testata camel

Riporto questo piccolo pezzo che avevo scritto nel 2013, son passati più di cinque anni ma certe sensazioni sono rimaste quasi uguali. Per esempio ieri sono andata al Pride, l'ho fatto per i diritti di tutti, si capisce, ma non solo. La situazione sta prendendo una brutta piega e mi sembra che sia tornato il momento di scendere in piazza, dobbiamo farci sentire perché non credano, quelli là, che staremo zitti, che li lasceremo fare.
Ci mobilitiano, facciamo quello che possiamo ma la sensazione di inutiltà è sempre in agguato nella vita di tutti i giorni.

anche se voi vi credete assolti

 

7/4/2013

Stamattina sul 14 è salita una giovane fisarmonicista. L'avevo già notata all'andata, aveva leggings leopardati con scarpe da tennis e una una gonna di jeans che arrivava al ginocchio. Aveva un giubbotto chiaro, forse da uomo, e una maglietta viola. Aveva un cerchietto a tenere i capelli, che dietro erano legati in una specie di chignon. Capelli scuri e morbidi, appena lavati. Aveva la pelle chiara e liscia, la faccia tonda e una bambina con la treccia e un bicchiere di carta della cocacola per chiedere l'elemosina. Non so se erano madre e figlia, sorelle o solo colleghe di lavoro. La fisarmonicista suonava abbastanza bene, la bambina si fermava davanti ai viaggiatori con puntigliosa sfrontatezza, uno dopo l'altro senza saltarne nessuno, porgeva il bicchiere. Sorrideva a tutti e non se ne andava fino a che non le veniva rifiutato l'obolo con un - a volte cortese - cenno della testa.
Il 14 è uno di quei tram lunghi che in curva si contorce come un serpentone, ci stanno un bel po' di persone. Stamattina era pieno ma non affollato, tutti i posti erano occupati e c'era abbastanza spazio per passare. Ho notato che nessuno ha dato niente alla bambina. Lei sorrideva comunque. Mi sono giustificata con me stessa pensando che se lo facevano voleva dire che ne valeva la pena. Che pena. Nessuno ha dato niente. Nemmeno io del resto. Mi sono domandata se sorrideva per buon carattere o per professionalità.
A un certo punto è salito un signore con una bambina grande più o meno come quella col bicchierino. Anche questa bambina era pettinata con la treccia. Si sono guardate. Quella col bicchierino ha ripreso il suo giro, l'altra non le staccava gli occhi di dosso. Senza perderla di vista si è avvicinata all'uomo e gli ha dato la mano.
Si sono aperte le porte e sono scesa.

 

 

 

 

Vuoi leggere anche questi?

scrivere è il mio gioco preferito

"Scrivere è il mio gioco preferito" il mio motto è piaciuto anche all'amica Freevolah che l'ha interpretato così su Instagram.

Compra il romanzo L'occhio del coniglio
Libro, mobi, epub compra su Amazon e su Lulù

Chi mi ama mi segua

Il sistema di gestione dei contenuti Joomla e il software di conteggio accessi installato in questo sito utilizzano i cookies per migliorare le funzioni di navigazone. Cliccando sul bottone arancione avrai fornito il tuo consenso e questo avviso non verrà più mostrato. Se non accetti l'uso dei cookies abbandona questo sito web.