testata camel

Il diario intimo della Donna Camèl con l'accento sulla el

Il blog della Donna Camèl è nato alla fine dell'estate del 2006, poco dopo l'apice del massimo splendore ma molto prima del declino dei blog in quanto moda.
È stato sempre su una piattaforma gratuita che negli anni ha cambiato nome e proprietari: ci sono capitata per una serie di circostanze fortuite e perché tutti i miei amici erano già lì, poi loro sono andati via tutti e io sono rimasta, irriducibile, a parlare di scrittura creativa, a proporre esercizi e racconti. Ci ho pubblicato pure un romanzo a puntate, un momento impagabile di intimità con i miei lettori.
Infine mi sono decisa a traslocare anch'io, lo porto qui a casa mia, se non tutto tutto la maggior parte: l'archivio. Non so quanto ci metterò, son più di 1000 articoli e li sposto con cura uno a uno, ma ho pazienza e la voglia di lavorare non mi manca: comincio oggi che è un lunedì ed è il 24 luglio 2017.

Segui la pagina facebook del blog - iscriviti al feed

 

 

La barca bianca e celeste si stacca dal molo. Scivola veloce e sicura sull'acqua calma. Intorno a me l'assolata inoperosità della domenica pomeriggio. Windsurf stesi sulla riva. Tre signore in costume chiacchierano sullo scivolo di cemento, con i piedi in acqua. I soliti sfaccendati, appoggiati al parapetto, guardano le barche uscire o rientrare. Criticano le manovre lanciandosi l'un l'altro sguardi di intesa e indossano l'aria di chi avrebbe saputo fare molto meglio. La brezza leggera accarezza la mia pelle abbronzata troppo in fretta, ma è un refrigerio ingannevole.

-Mamma, vorrei sistemare un po' la mia camera.
Non ero sicura di aver capito bene. Riordinare "spontaneamente" quella specie di retrobottega di rigattiere che per abitudine continuavamo a chiamare camera di M.?

Arrivata all'altezza del frangiflutti la piccola randa passa e la barca bianca e celeste accosta a sinistra. La manovra ha solo una lieve incertezza, poi riprende la sua rotta. Non lontano un uomo con la muta e le bombole sta per immergersi. Siede sul bordo di un gommone dando le spalle all'acqua. Tenendo una mano sulla maschera si rovescia all'indietro e sparisce tra gli spruzzi.

Guardavo la fila di scatoloni allineati in corridoio. Bambole, peluche, mobili in miniatura. E poi piattini, pentoline, una cucinetta completa, perfino il cavallo a dondolo.
-M., ma sei sicura di voler dare via tutta questa roba?
Mia figlia mi sorrideva bonariamente, con la pazienza di quello che spiega a chi non vuol capire:
-Ne ho tenute quattro, le mie preferite. Per ricordo. È tanto che non ci gioco più. Il cavallo lo passo a F.

 

Cammino sulla banchina per seguire la barca bianca e celeste che costeggia il frangiflutti. M. timona bene, ci ha già preso la mano. La sua scia la segue bella dritta, pulita. Eppure ha visto questa barca per la prima volta solo un'ora fa. Ha esaminato le semplici manovre, abbiamo nominato insieme i pochi pezzi che ne compongono l'armamento. C'è una sola vela, grande quanto una tovaglia: ha una strana forma irregolare, con un albero così corto da sembrare finto; la deriva è una tavola da inserire in una fessura che mi ricorda quelle scatole dove i prestigiatori fanno sparire le ragazze e poi ci infilano assicelle da ogni lato per dimostrare che non c'è trucco.
Il timone è un altro pezzetto di legno incernierato fuori dallo specchio di poppa e lo scafo poco più che una cassetta della frutta: sembra la vaschetta dove le facevo il bagno. Ci sta dentro giusto un bambino, da solo.

Avevo riempito la macchina di scatoloni. Col caldo e la fatica non pensavo neanche a quello che facevo. Poi il ragazzo che mi aveva aiutato a scaricare all'associazione aveva fatto tanto d'occhi, ghiotto, e non finiva più di ringraziarmi.

Facendomi schermo con la mano la sorveglio da lontano, strizzando un po' gli occhi per la luce (e per la miopia). Sta entrando nella caletta dei gavitelli. La vela ben regolata, sfrutta le raffiche per risalire il vento. Evita le barche ancorate, bordeggia veloce, come se non avesse mai fatto altro nella vita.
Mi accorgo che sto mormorando: "Sì, dai, brava. Adesso! Pronta a virare? Vira! Bene, tira il bordo ancora un po'. Brava, vai così…"
Un signore, incuriosito, si mette a fissare anche lui nella mia stessa direzione. Mi verrebbe voglia di dirglielo. Ma invece tiro dritta: meglio di no.

Me ne ero resa conto solo tornando a casa, la macchina svuotata.
La mia bambina. Quel fagottino di due chili e poco che mi aveva guardata negli occhi, all'età di cinque minuti, lasciandomi intontita dallo stupore.
Meno male che ero sola così non dovevo spiegare a nessuno le lacrime che mi venivano giù a goccioloni, appannandomi gli occhiali. Potevo anche singhiozzare ad alta voce, protetta dall'intimità della mia auto. E avevo tutto il tempo di ricompormi, prima di arrivare.

Rasenta il pontile, con la mano libera dal timone fa un saluto. Anch'io agito il braccio. Ha imparato proprio bene. Da suo padre, da me, dagli amici. Ha fatto il suo tirocinio uscendo con noi e con gli altri bambini. La vela è un gioco. Lo è anche per me. Ma in solitario è un'altra cosa. Quando sarai sola sulla tua barca nessuno ti dirà quello che devi fare.
M. si volta verso di me. Io annuisco, e le faccio un gesto con il braccio, enfatico, teatrale, per indicare il mare aperto. Riesco ad immaginare il suo sorriso.

Fa un'altra virata e dirige verso il largo.


Commenti al post

Midnight_Shadow il 12/11/06 alle 19:04 via WEB
Smettila di farmi piangere!

  • LaDonnaCamel il 12/11/06 alle 19:12 via WEB
    Eh: ricordare, ripetere e rielaborare. Pure io, che ti credi?... :')

  • AmicaLillina il 03/09/16 alle 15:47 via WEB
    Non si fa così eh! (3 aprile 2016 il cucciolo di casa fa i bagagli, quel piccolo esserino di 1,80 ha vinto il concorso nell'esercito, lui è felice io vedendolo partire quasi piango di nascosto)

  • LaDonnaCamel il 03/09/16 alle 20:14 via WEB
    Complimenti per il frugoletto! Eh sì, dopo dieci anni stiamo ancora a commuoverci per un'altra virata. È il suo bello.
    Rispondi
  •  

     

    e-max.it: your social media marketing partner

    Compra il romanzo L'occhio del coniglio
    Libro, mobi, epub compra su Amazon e su Lulù

    Chi mi ama mi segua

    Il sistema di gestione dei contenuti Joomla e il software di conteggio accessi installato in questo sito utilizzano i cookies per migliorare le funzioni di navigazone. Cliccando sul bottone arancione avrai fornito il tuo consenso e questo avviso non verrà più mostrato. Se non accetti l'uso dei cookies abbandona questo sito web.