testata camel

Il diario intimo della Donna Camèl con l'accento sulla el

Il blog della Donna Camèl è nato alla fine dell'estate del 2006, poco dopo l'apice del massimo splendore ma molto prima del declino dei blog in quanto moda.
È stato sempre su una piattaforma gratuita che negli anni ha cambiato nome e proprietari: ci sono capitata per una serie di circostanze fortuite e perché tutti i miei amici erano già lì, poi loro sono andati via tutti e io sono rimasta, irriducibile, a parlare di scrittura creativa, a proporre esercizi e racconti. Ci ho pubblicato pure un romanzo a puntate, un momento impagabile di intimità con i miei lettori.
Infine mi sono decisa a traslocare anch'io, lo porto qui a casa mia, se non tutto tutto la maggior parte: l'archivio. Non so quanto ci metterò, son più di 1000 articoli e li sposto con cura uno a uno, ma ho pazienza e la voglia di lavorare non mi manca: comincio oggi che è un lunedì ed è il 24 luglio 2017.

Segui la pagina facebook del blog - iscriviti al feed

 

 

Per il primo EDS del confessore, di cui ho già parlato anche qui, avevo scritto due racconti: uno era Va tutto bene e l'altro era questo sulla natura della bugia.

Io credo che la bugia appartenga alla natura e pertanto sia un fenomeno al quale non si possa porre rimedio. Ne ho le prove.
Gli animali, per esempio, mentono. E perfino alcune piante. Si potra' obiettare che e' iscritto nel rispettivo codice genetico se certi insetti si travestono da foglie o rametti secchi per catturare le loro prede o certi fiori si truccano da farfalle per attirarne un gran numero e garantirsi una sicura impollinazione (che poi, come ci insegnavano da bambini, e' sempre questo il motore che fa girare il mondo) e comunque il mimetismo del regno animale non ha niente a che vedere con quello di un signore che cerca di assumere lo stesso colore della tappezzeria vedendo la propria moglie entrare nel locale dove e' gia' in ottima compagnia, sebbene si tratti in entrambi i casi di istinto di sopravvivenza.

Ma che dire del vecchio cane di Konrad Lorenz che fingeva di abbaiare a un cespuglio dopo che si era reso conto di non aver riconosciuto il padrone? Questo sembrerebbe un atteggiamento molto umano: a chi non e' mai capitato di fingere di riconoscere qualcuno che ci ha salutato con calore, mantenendo il discorso sulle generali in attesa che qualche indizio ci richiami alla memoria la relazione che ci legava a quella persona? Come quel tale che, dopo aver chiesto notizie della moglie di un amico appena incontrato si ricordo' improvvisamente che era deceduta molti anni prima e non trovo' di meglio che aggiungere: "Sempre morta, intendevo...?"
Be', ma questo e' mentire per convenienza sociale, direte voi. Allora la bugia e' culturale? Effettivamente a alterare la verità ci viene insegnato molto presto: quanti ceffoni sulla bocca ci siamo presi per aver detto ad alta voce "mamma quel signore puzza"?
Non sara' stata solo mia nonna che, volendo nascondere al marito uno svago innocente, mi diceva da bambina: non dire al nonno che siamo andati al cinema. E perche' allora se la prendeva tanto se io, non appena il nonno entrava in casa, gli correvo incontro e abbracciandogli le ginocchia gli urlavo: "Nonno, non siamo andati al cinema!"?
Perche' non basta mentire, signori miei, bisogna imparare a farlo bene. La nonna mi spiegava paziente che io avrei dovuto dire "No, non siamo andati al cinema" solo se il nonno me l'avesse chiesto.
E cosi' la volta dopo io, tutto eccitata, appena il nonno arrivava non vedevo l'ora di mettere in pratica la lezione e gli dicevo: "Nonno, prova a chiedermi se siamo andati al cinema o no?"
Eppure ci sono persone adulte che non hanno ancora capito questo principio della ridondanza e inventano per le proprie mogli scuse fantasiose quanto poco plausibili per nascondere le proprie scappatelle, raccontando di rapine a mano armata con relativo sequestro di persona, incendi, inondazioni e altre catastrofi naturali quando magari la moglie manco s'era accorta dell'assenza.
Il mentitore piu' elegante e' quello che riesce a dire la verita' facendola passare per una bugia: "Come hai trascorso il pomeriggio, mia cara?" "Con i miei amanti, tesoro!" E lui ride, divertito...
Quindi per essere creduti bisogna parlare poco, possibilmente tacere, avere una memoria di ferro e poca fantasia. La verita' e' grigia e noiosa, banale come una minestrina di dado.
A meno di essere uno nato per mentire. Ci sono persone che raccontano balle senza nessun motivo, solo perche' ci sono portati per vocazione, gli viene piu' facile e naturale che dire la verita'. Cos'hai mangiato? Pane e prosciutto. E invece era salame. Come ti chiami? Maria. E invece era Filippo. Questi menzogneri innati non battono ciglio nemmeno se messi di fronte all'evidenza, improvvisano scuse e contro-scuse complicate come arabeschi turchi e si sopportano solo perche' sono simpatiche canaglie.
La maggior parte di questi votati alla frottola, se appena ne ha l'occasione, diventera' artista. E non parlo solo degli attori, che sarebbe perfino ovvio: pensiamo per esempio alle arti figurative: un quadro o una scultura non sono forse false realta', che esistono solo nella mente dell'artista, e, quando e' bravo, si riproducono ancora piu' false nella mente di chi le guarda? E lo scrittore? Non e' lo scrittore il bugiardo piu' bugiardo di tutti? Egli ci racconta un sacco di frottole e piu' e' bravo e piu' gli crediamo e il bello e' che gli crediamo anche se sappiamo che sono assolutamente false.
E la letteratura non e' senza ombra di dubbio un prodotto culturale?
Quindi possiamo tranquillamente affermare che la bugia appartiene alla cultura.
E alla natura.
Degli uomini, degli animali, delle piante e anche dei minerali che, se ben incastonati, possono fare anche se falsi la loro bella figura.

 



Commenti al Post: Le bugie: natura o cultura?

Eric_Van_Cram il 16/02/07 alle 09:00 via WEB
La bugia è culturale, ma la verità è rivoluzionaria :-)

LaDonnaCamel il 16/02/07 alle 14:04 via WEB
infatti la verità è libertà: bravo! ;)

selavitaciconfonde il 16/02/07 alle 11:32 via WEB
mi sa che io ho conosciuto un sacco di artisti senza saperlo.... uhm grazie della dritta ;-)

LaDonnaCamel il 16/02/07 alle 14:04 via WEB
eh, c'e' pieno il mondo di artisti ;)

 

e-max.it: your social media marketing partner

Compra il romanzo L'occhio del coniglio
Libro, mobi, epub compra su Amazon e su Lulù

Chi mi ama mi segua

Il sistema di gestione dei contenuti Joomla e il software di conteggio accessi installato in questo sito utilizzano i cookies per migliorare le funzioni di navigazone. Cliccando sul bottone arancione avrai fornito il tuo consenso e questo avviso non verrà più mostrato. Se non accetti l'uso dei cookies abbandona questo sito web.